Il Mondo del Dr. Pianale

Il Mondo per chi ama Viaggiare, Guidare, Pensare

[Clinic Test] Nuova Fiat Bravo e Alfa Giulietta (ex Alfa 149, ex Alfa Milano)

Posted by Dr. Pianale su 1 febbraio 2006

(I miei Client Test)

[Clinic Test] Fiat Bravo II e Alfa Giulietta (ex Alfa 149, ex Alfa Milano)

(Clinic Test effettuato a febbraio 2006 – La discussione originale (127 repliche a gennaio 2009) si trovava su MSN Gruppi: http://groups.msn.com/IlmondodelDrPianale/general.msnw?action=get_message&mview=0&ID_Message=89&all_topics=0 )

Ciao a tutti

Questo post parte da molto lontano, esattamente da fine novembre quando, come possessore di una BMW Serie 1 (segmento di mercato C) della fascia d’età fra i 35 e i 45, vengo invitato a una sessione di test che si svolgerà il 27-11

Tutto bene e tutto “normale”, non è mica la prima volta…se non che il giorno prima vengo contattato dalla società che si occupa dell’organizzazione e mi dicono che IL prototipo non è arrivato e tutto è rimandato a data da destinarsi.

Passano quasi 3 mesi…nel frattempo mi interrogo su come sia potuta accadere una cosa simile (mai successo in 20 anni… ho iniziato nel 1987 con la Dedra!)…

Settimana scorsa mi richiamo e RIfissano un appuntamento per questa domenica 12 febbraio per un “intervista” di 4 ore.

Evidentemente è successo “qualcosa” in questi 3 mesi e per tanti motivi mi autoconvinco che si tratti delle nuove medie del Gruppo Fiat che sulla stampa sono state recentemente oggetto di alcune rivelazioni più o meno “velinate” sul fatto che Marchionne non fosse stato particolarmente contento della loro “prima stesura” e che tutto sia stato rivisto in fretta perché non sono assolutamente permessi gli errori e le leggerezze del recente passato.

Insomma… non si può sbagliare, e , come ho potuto vedere NON hanno sbagliato.  ;.-)

Partiamo dall’inizio: che sia una cosa più seria del Clinic Test “farsa” della Nuova Croma fatto a 2 settimane dalla presentazione, me ne accorgo subito.

Siamo in 7 e siamo accolti in modo ben diverso facendoci prima presentare fra di noi e facendoci elencare le nostre vetture.

Ci sono 3 Serie 1, due A3 e due Golf….il resto? Non conta evidentemente…. 😉

Particolarmente curiosa la mancanza di proprietari dell’attuale 147…ma più avanti tutto sarà più chiaro

Fatta conoscenza fra di noi e la “moderatrice/intervistatrice” veniamo introdotti nel classico salone dove, in rigoroso ordine da sinistra verso destra, ci sono:

Audi A3 SportBack

Alfa 147

Fiat Stilo 2 (chiamata Fiat S)

Golf V

BMW Serie 1

(auto sotto un telone… al momento non si sa)

OK…

Dire che avevo ragione è riduttivo  😛

Allora…. Veniamo subito alla GGP …. Grandissima Punto, cioè la Nuova Fiat Stilo  🙂

La macchina, al di là della riconoscibilissima “progenie” della nuova Punto che può far storcere il naso a qualche purista del concetto Un modello Un design (mentre io preferisco il Family Feeling complessivo della Casa) devo dire che è ben riuscita.

La freschezza stilistica rispetto alle auto presenti in sala era ben avvertibile e gli interventi di differenziazione dalla Sorellina sono andati a buon fine togliendo buona parte di quel “effetto pantografo” in cui è facile cadere in questi casi.

Qui apro una parentesi “formale” sulla volumetria della Nuova Stilo.

Lo dico con tutta la soddisfazione personale di questo mondo, ma vedere che, dopo un quinquennio le medie “cassone” sopra il metro e 50 che dovevano conquistare il mondo, si sono estinte con tanto di marchio d’infamia e senza rimpianti è una cosa positiva… 🙂

Prima la Civic… ora la Stilo sono due auto che fanno di TUTTO per far dimenticare le loro progenitrici “a frigorifero”….sicuramente si perderà qualche cm di aria sopra la testa, ma diventano guardabili… persino sportiveggianti nella nuova silhouette… e per chi a “REALI” problema di spazio ci sono sempre i MV classici.

Già… la Nuova Stilo…vediamo di analizzarla nel dettaglio:

Praticamente la macchina è così…frontale “Giugiaro – Maserati Coupè Style”, marchio Fiat bello grosso e in bella vista…fari che lateralmente non sono tondeggianti ma più tesi fino a dare un accenno di “angel eyes” (tipo Serie 5 e Citroen C4) con le frecce laterali “stirare”

Questa foto è già molto plausibile, anche se la macchina è un pochino meno tondeggiante a la linea inferiore dei fari più tesa

Dal motivo stilistico dei fari “lineari” nei lati, con bell’effetto complessivo, parte la scalfittura che segna la fiancata e che è parallela alla linea di cintura della superficie vetrata che parte ampia per poi rastremarsi nel posteriore….

A me la linea di cintura e l’andamento della finestratura ha ricordato moltissimo (per non dire che era “uguale” :-P) la fiancata della Mercedes Classe B che qui ho riportato volutamente un po’ schiacciata per rispettare l’altezza della Stilo che mi è sembrata di circa 145cm

Nella normalità la coda…senza infamia ne lode, estremamente pulita e con il piccolo tocco di originalità nell’andamento del lunotto che non è del tutto avvolgente al portellone, ma che tende a restringersi in alto dove aumenta la lamiera laterale.

I fari, tondeggianti lievemente ellissoidi, sono rossi.

Ottima… per essere una media generalista non avrà nessun timore reverenziale rispetto alle concorrenti…è sicuramente una macchina piacevole senza eccessi.

Concreta e moderna..come deve essere una Fiat…. IMHO un ottimo lavoro

FORSE, ma è troppo presto per dirlo, immaginandomela a 3 porte….qualcosina della originalità dell’attuale Stilo 3p che è stilisticamente figlia della indimenticata Bravo, potrebbe andare persa.

Probabilmente è l’unico piccolo neo che ha tutte le carte in regola per piacere

Ho detto FORSE perché non mi è dato di sapere se la 3p sarà identica come forma alla 5p che ho visto.

Annotazione personale… premesso che la Nuova Stilo è, chiaramente, un’altra generazione rispetto alle altre auto in esame…. Vedere la Serie 1 nel suo contesto di concorrenza, mi ha stupito… io sono il primo a criticare alcune forme (la coda da berlinotto).. però A ME, fra Golf, A3 e 147 non avrei dubbi ORA sulla macchina che mi piace di più… La creatura di Bangle è l’unica che comunica qualcosa al di là di un semplice oggetto per muovere cose e persone (le 2 VAG), mentre la 147 appare decisamente invecchiata pur se formalmente ancora perfetta…

Insomma.. me la ricomprerei.. senza dubbio.  😉

Veloce briefing fra noi….i commenti sono del tutto positivi.

Curioso il metodo usato per raccogliere le nostre opinioni: ad ogni modello andava abbinato un personaggio famoso, un vestito, un paio di scarpe e, nel caso si immaginasse un condomino, gli eventuali proprietari.

Ragionamento particolare, ma molto efficace…. Diciamo che il 99% commenti, non tutti positivi, che funzionano in quell’ambiente ristretto non sarebbero riportabili in un NG pubblico… glissiamo… 😉

Bene…. E il pezzo forte?

Come ho detto nella sala, nel punto più visibile e “casualmente” affiancata alla Serie 1, c’era una grossa auto coperta da un telone.

Mentre eravamo fuori per i commenti il telone viene tolto.. e rientriamo…

Maestosa campeggia la nuova Alfa 149 (Alfa Y)…

Maestosa non è un semplice aggettivo…la macchina è larghissima e lunghissima rispetto alle altre…

Facciamo un piccolo passo indietro.

Solo un minimo di conoscenza dei retroscena può spiegare la differenza con le concorrenti… lì “sotto” c’è il GROSSO pianale della 159…. Più piccola e corta , mantenendo un abitabilità sufficiente, non era possibile farla…

Più stretta, data la carreggiata importante della “mamma”,  non era possibile farla.

Più compatta e leggera usando il pianale della Stilo (MP anteriore + ponte rigido posteriore) sarebbero andate perse le peculiarità di piacevolezza e sportività di guida che DEVONO essere presenti un Alfa Romeno, non era possibile farla…

Di fatto, con tutti questi paletti,  si può dire che con la 149 finisce l’epoca delle “Segmento C” ed entriamo un’altra categoria (un po’ come le Segmento B sopra i 4 metri….).

Categoria che dovrà fare i conti con una fruibilità condizionata dalle dimensioni e pesi (e tutto quello che ne consegue) differenti.

Evidentemente io sono un po’ più allenato a giudicare le dimensioni (chi vive in città e ha problemi di parcheggio e box DEVE stare attento anche ai mm), ma curiosamente mi sono ritrovato da solo a dire che secondo me la macchina è MOLTO più lunga delle concorrenti e a “sparare” un: “Ma è almeno MOLTO più lunga delle altre, almeno 20cm più della 1!”  :-OOOO… ma i dati reali non me li hanno detti subito

Se “formalmente” la macchina è ineccepibile (pur nelle sue dimensioni oversize)…più complesso il discorso stilistico.

Appunto… lo stile…..ma COM’E’ la 149 (si chiamerà così poi? Boh!…forse no)

In rete, basta fare una ricerca per “Alfa 149 nelle immagini di Google, si trova di tutto e di più….. anche qui si IDA sono stati postati diverse ricostruzioni alcune delle quali un po’ troppo “Serie 1 oriented” per essere plausibili…

Ma veniamo al sodo…. Come un faro, la ricerca che ho fatto anche io quando sono tornato a casa mi ha restituito QUESTA…

Bene… non è una semplice ricostruzione…. E’ LEI..chi ha fatto questo Photoshop ha visto bene la macchina dal vivo

La 149, quindi è decisamente appariscente, ma vediamo nel dettaglio.

Premesso che è quella nella foto, l’unico particolare differente è che la macchina che ho visto aveva il cofano motore (notare che nella foto NON ci sono aperture laterali e ovviamente non può essere saldato ai parafanghi) che seguiva ai bordi il taglio a V del frontale, e quindi aveva un apertura molto piccola…quasi da auto “storica”.

E’ anche più prominente la piccola “cometa”, che nella foto non c’è, ma nel prototipo ben sottolineava lo scudetto Alfa.

A parte questo….   È una macchina difficilissima da giudicare al volo..

Le dimensioni sono imponenti… credo che la larghezza da “parafango a parafango” sia come minimo di 180cm… è la prima cosa che si nota….

Probabilmente è alle dimensioni oversize che è demandato il compito di rendere "arrogante" questa Alfa Romeo per chi la vede nello specchietto…perché, invece, dal punto di vista stilistico le citazioni sono tutte improntate alla più raffinata sportività (IMHO troppo “raffinata” per un Alfa… ma ne parlo poi).

Ovviamente è chiaro che la 149 è figlia legittima NON dell’ultimo Giugiaro Style, ma della 8C

Però alcuni particolari mi hanno lasciato perplesso…. La citazione dei parafanghi sporgenti e bombati che finiscono nelle luci anteriori che sono verticali e non riempiono con il trasparente tutto il loro incavo (come invece succede nella 8C) è troppo smaccatamente Porsche per stare veramente bene su un Alfa.

E questa non è una mia impressione ma tutti noi 7 abbiamo confermato la stessa sensazione di déjà-vu…

Altra cosa che invece ho detto io… la macchina è troppo imponente anteriormente per qui fari relativamente piccoli e un pochino di forma ellissoidale…. IMHO l’effetto Thesis è in agguato, c’è a chi piace, a chi no…. A me ni

Non so… come ho detto poi in sede di discussione la macchina nella sua visione frontale è troppo elegante per essere veramente sportiva come si converrebbe a una Vera Alfa…

Questo non significa che sia brutta, anzi…è che io con un frontale così ci vedo meglio una Lancia (l’ho detto poi)

IMHO è più autenticamente Alfa questa che ho trovato in rete (FOTO 1)

O la Visconti….. che sono feline… sfuggenti… aggressive e sinuose…

Come ci è stato chiesto, invece, a me la 149 ricorda un cane Boxer…bello, anche grintoso ma che non sprizza agilità e potenza da tutti i peli…  😐

Però sono punti di vista (anche se poi un frontale del genere apre un altro problema che vediamo poi)

Ineccepibili, invece, LE fiancate….. quelle della FOTO 1 in parte la ricorda ma in rete non c’è molto…. Quello che si avvicina di più è questa

FOTO 2

Prima dicevo LE fiancate… si perché la macchina era asimmetrica

Una parte era simile a questa (FOTO 2) con la linea di cintura molto marcata lunga tutta la macchina (qui si nota solo nella  parte anteriore) e con un andamento ad ascendere nella porta posteriore.

Maniglia della 159 nell’anteriore mentre nel posteriore c’era la classica maniglia alla “De Silva” annegata nel montante.

Soluzione ottimale e IMHO molto elegante che, curiosamente, i miei “soci” hanno bocciato perché “ricorda troppo la Seat…”.

Il Pianale che è in me avrebbe voluto “ricordare” che al limite è Seat che ora copia Alfa… ma non avevo voglia di polemizzare

La seconda fiancata NON aveva la scalfittura lungo tutta la linea di cintura e aveva l’andamento dei vetri molto più lineare e la superficie vetrata decisamente più ridotta (FOTO 1).

Non è piaciuto….. ed è stata scelta quella della seconda foto…

Io avrei fatto un mix…. Lamiera ben scalfita della seconda e linea di cintura alta e vetratura lineare della prima, ma…..

Veniamo alla coda…. Tronca, compatta larga…. Tanto il frontale mi ha messo dei dubbi…tanto a me la cosa mi piace…è kattiva…coupettosa e la citazione dei 4 fari circolari non estranea al DNA Alfa….

Ricorda la foto qui sopra (FOTO 2), ma in realtà è MOLTO più bella e particolare e non ha il bordo pronunciato come si vede…in rete ho trovato questa foto… ecco, la macchina vista da un paio di metri di altezza è così… è veramente il bozzetto di stile da cui sono partiti per disegnare nella lamiera la cosa della.

Premesso che effettivamente in 443cm di macchina è (relativamente) facile disegnare una coda filante … devo dire che il lunotto a V, come si vede nel bozzetto, è un particolare “da urlo”.

Altro particolare che IMHO sulle versioni con lo SkyHook renderanno la macchina bellissima è che è dotata di uno spoiler (non c’è nel disegno) che NON parte dal tetto in lamiera, ma avvolge il vetro da un livello più basso e lo stacco nero della superficie vetrata fra il tetto e l’alettone è molto bello e particolare.

Un doppio scarico completa l’opera d’arte…. Mentre i 4 fari sono rossi.

IMHO la parte migliore dell’auto, a pianeti di distanza da tutti gli altri berlinotti 5 porte del segmento che hanno la coda tronca con il lunotto verticale da utilitaristica SW.

Eppure… eppure non è piaciuta a tutti…. Io spero la mantengano così

Bene, finito lo studio esterno ci hanno rimesso tutti intorno al tavolo per i commenti sullo stile…

Come ho detto la macchina è piaciuta a tutti pur con i dovuti distinguo…

Io, come ho accennato prima, quando è stato il mio turno ho testualmente detto: “Secondo me quella macchina, con una mascherina diversa con lo Scudetto sarebbe stata un ottima Lancia Delta III, le Alfa devono essere solo sportive e non troppo eleganti..basta pensare a cos’era Alfa negli anni ‘70”

Momento di imbarazzo da parte dell’intervistatrice e, dopo quanto detto, le altre persone mi hanno dato ragione..

“Purtroppo” i motivi che della trasversalità di Alfa Romeo che in seno al Gruppo deve svolgere SIA il compito sportivo nel suo DNA, SIA la parte più “raffinata” più nella tradizione della (comatosa) Lancia IMHO li conosciamo tutti…

Sintetizzando molto la macchina è una Lancia davanti e un’Alfa dietro….IMHO

Un altro effetto negativo dello stile che è venuto fuori in sede di discussione riguarda la dimensione dei cerchi…

La maquette montava dei 18”… eppure, soprattutto nel posteriore sembravano ancora piccoli a causa della notevole superficie di lamiera che li circondava.

Ora….O quella macchina parte dai 18" base e si va a salire ai 19”… oppure con dei normali 16" la situazione stilistica si farebbe imbarazzante…

Ovvio che sia un problema che riguarda tutti i costruttori … però sarebbe ora che ci si dia un limite… altrimenti entro 5 anni arriveremo che per dare un aspetto decente e proporzionato alle macchine ci vorranno i 20”… (e intanto il consumatore paga, come diceva Totò)

Successivamente ci hanno comunicato prezzi e motorizzazioni rispetto alle concorrenti

In particolare la 149 avrà questa gamma e questi motori

BENZINA
1.4 turbo 8v 120cv
1.4 turbo 16v 160cv
2.2 JTS 185cv
3.2 V6 260cv (solo in abbinamento con la trazione integrale)

DIESEL
1.9 JTD  120cv
1,9 mJTD 165cv
2.4 mJTD 210cv (solo in abbinamento con la trazione integrale)

La forbice dei prezzi era fra i 20.800 Euro del 1.4 Turbo di ingresso e i 40.000 Euro della 3.2 V6 Q4

Per quanto riguardai i diesel si partiva da 22.000 Euro per la 1.9 JTD e si finiva ai 37.000 euro del 2.4

TUTTI cambi a 6 marce…

Prima ancora di commentare i prezzi che sono più in relazione al posizionamento commerciale… c’è da dire un paio di cose sulle motorizzazioni..

I diesel sono le evoluzioni degli attuali, con il golosissimo (IMHO) pentacilindrico da 210cv che IMHO porterà una piccola rivoluzione nel segmento perché costringerà le sue competitor a salire oltre i 4 cilindri… (leggi: mi aspetto una 130d e una A3 3.0 TDI….)

Più curiosa la scelta dei benzina…

Già un 1.4 è “strano” su una macchina del genere, ma come entry level per contenere i costi può andare bene…ma perché usare il 1.4 Turbo con uno step di potenza più elevato al posto del 1.9 JTS della 159?

Costa troppo?

Non lo so…io gli ho detto che fosse per me ricalcherei in toto la gamma motori della 159 togliendo il 1.4 (o almeno quello più potente).

Da notare, ma ne parlo dopo, l’ENORME divario che la separa dalla 147…..

Ma veniamo alle dimensioni…. Avevo visto giusto al millimetro… avevo detto PRIMA (testimoni i miei compagni) che il “nanetto” Serie 1 sembrava 20cm più corta….

Giusto…. Esatto al millimetro…. La 149 (vedi ragionamento inziale sul pianale 159) è lunga la bellezza (è il caso di dirlo) di 443cm …. Cioè è lunga esattamente come una 156!

Pur con tutte le attenuanti del caso (sono già stati bravi a farla così corta data la base di partenza) …le dimensioni sono fuori scala per il segmento C…anche se, temo, alla fine la 149 sarà solo la prima di una nuova stirpe di auto del segmento medio … esattamente come la Grande Punto che oggi ha sfondato la soglia dei 4 metri per un segmento B, sarà solo la prima….

Qui si aprirebbe un lunghissimo discorso che riguarda il corrispondente aumento di peso, dei motori sempre più grandi necessari per muoverle macchine e dei consumi…. ecc, ecc.. ma non è la sede giusta…

Però io credo che già ora chi ha investito “in leggerezza” si nota sul mercato e si godrà i frutti nel prossimo decennio.

Purtroppo..Alfa non è fra queste… 😦

L’abitabilità…… qui è un problema..inutile girarci intorno..

Ci è stato fatto vedere un disegno comparativo nero con la forma della 149 e rosso con quella della 147…

Chi è seduto davanti ha più spazio… la posizione è più bassa e  (molto) più distesa…OTTIMO, ma per chi siede dietro c’è lievissimamente meno spazio (sarà un cm…ma è significativo) rispetto alla 147 che è più corta di 30cm.

Difficile da commentare…è sempre il solito discorso della base…i miracoli non si fanno…

Di contro il bagagliaio passa da 290dm3 a 250dm3.

Al che ci sono stati MOLTI commenti negativi con anche proposte di fare qualcosa per modificare la situazione…. ma siccome io credo sia un "delitto" contro l’umanità privarci di tale bellezza per un paio di cm in più…ho testualmente detto, quando è toccato a me:

"Salire su un Alfa Romeo è un onore e invece di lamentarsi
bisognerebbe ringraziare il guidatore che è venuto a prenderti con un auto così bella e sportiva invece che con il solito monovolume o SUV…per chi si lamenta ci sono gli Scenic…i Touran, ecc, ecc".

…………… silenzio in sala………………..

Ok…… ultimo giro

Ci portano fuori tutti e al nostro rientro la situazione è ancora modificata…

La 149 alle sue spalle ha la 159 alla sua destra e la GT alla sua sinistra….

Aiahhh  :-/////

Non va bene….non va bene per nulla…. Spiego

Che non ci sia uno stile TROPPO unico nell’ambito della casa può andare bene….. ma veramente la 159, prodotto nuovissimo….fra DUE anni si troverà spiazzatissima e drammaticamente invecchiata. IMHO

Io gliel’ho detto….secondo me questa assoluta mancanza di continuità stilistica non fa bene al Marchio che sta faticosamente cercando un suo mercato….

Sono operazioni che se fatte, Bangle in BMW l’ha fatto, vanno portate fino in fondo senza tentennamenti e nel lasso di tempo più breve possibile e poi rese “stabili” sul nuovo design.

Non si può e non si deve cambiare TUTTO ogni mezza generazione di macchine. (De Silva vs Giugiaro vs 149)

Ci è stato chiesto di posizionare la 149 sia nell’ambito delle due auto presenti che nell’intera gamma Alfa…

E qui è successa una cosa curiosa…. Su 6 persone (oltre me) presenti… ben due pensavano che la 159 fosse la sostituta della 166 e NON, più correttamente, della 156… tanto che la stessa 149 (nome che ho sempre fatto io…in realtà Alfa Y quindi non si sa veramente come si chiamerà) era stata “erroneamente” considerata da loro la “nuova 156".

Curiosità, ma indice di una certa confusione o mancanza di informazione nel pubblico sui prodotti Alfa.

Cominciamo dall’inizio e con calma…. NESSUNO riesce a considerare la 149 come la “sostituta” della 147…… sono due mondi completamenti diversi.

Bon, essendo impossibile fare diversamente, Alfa ha deciso di fare tesoro di questa cosa e andare fino in fondo prendendo la fascia “bassa” (di prezzo) del segmento C.

Insomma, come è stato detto.. e detto anche da me…. È chiaro che con quella macchina lì non puoi permetterti di venderla sotto costo…. Di fare le km 0 a 15.000 Euro come ora o le offerte televisive da 17.000

Come minimo la DEVI, imperativo, vendere al prezzo che ti costa e i prezzi che ho detto prima mi paiono più che corretti dati i contenuti.

Quindi il cliente che OGGI va in Concessionaria a “elemosinare un Alfa Romeo” (che non stiamo parlando di una Lada…) ai prezzi da hard discount  che ci sono ora… DEVE scomparire.

Scomparire….. l’obiettivo non è che se ne vada da un’altra parte ma che tale fascia di utenza sia assorbita dalla Stilo…

Il discorso è ineccepibile…. ma fra il dire e il fare c’è di mezzo il mare… vedremo..io glielo auguro.

E altrettanto chiaro che “quel” prodotto a “quei” prezzi ti devi scordare che faccia i numeri da “generalista” (tappabuchi della Stilo I dovrei dire) dell’attuale 147…se la dovrà giocare ALLA PARI con la Serie 1 e la A3.

Se così non sarà vuol dire che qualcosa è sbagliato… se vendi meno E’ un dramma…se significatamene di più (il doppio o il triplo come succede ora) significa che hai calato le braghe sul prezzo e sul pubblico e  SARÀ POI un dramma.

Questo è ovviamente un po’ un riassunto…in realtà il discorso prezzi e posizionamento è stato molto più articolato fra noi… talmente articolato che avrei altre 1000 cose da dire… ma è meglio di no… 😛

Ultimo punto…. Poi ho finito, promesso…:-)

La 147 “muore” (e mi pare con pochissimi rimpianti e tanta voglia di Premium) ….. la 149 sarà SOLO a 5 porte e…udite udite, come ho detto prima, è molto più direttamente simile stilisticamente alla GT che alla berlina 159…

“IO” a loro ho detto questo:

Dato che GT e 149 sono simili, si vede che hanno un impostazione stilistica simile tanto da sembrare "Mamma & Figlia", farei diventare la GT, ovviamente ristilizzata, l’entry level della futura Gamma Alfa… la “userei” come versione 3p della 149 e la venderei con gli stessi allestimenti/motori almeno a 2000 euro meno della 5p…

Quindi…. Se la 149 1.4 partirà da 20.800 euro….io farei partire la GT da 18.800…”

Secondo me è ancora troppa poca la differenza  e il rischio di fare della GT una “neo Serie 3 Compact” è reale….

Però è anche vero che BMW è riuscita a tenere in listino per 4 anni la Compact I mentre era già disponibile la Serie 3 E46 (1998 -2001) con significativi riscontri di vendita…ANZI, proporzionalmente ha venduto di più in quel periodo che quando era presente al sua alternativa a 4 porte.

Insomma, non è impossibile farle convivere….. devono rendersi conto, però, che la GT, nell’era della 149,  deve fare la 147 3p…. inutile fare tanti giri di parole…

Io l’ho detto…e su questo punto sono stato molto preciso e loro particolarmente attenti, vedremo….

In tutto questo la Brera era assente (volutamente) e credo che sarà soprattutto quella a sentire maggiormente la concorrenza della 149…:-(

Certo che vedere che devono ancora finire di presentarla nella sua gamma e sentire che si devono “trattenere” dal fare la 149 3p per non “spazzarla via” dal mercato è un po’ triste…..  😦

Io ho finito e credo di essere stato fin troppo breve per la mole di cose da dire….

Se ci sono domande…  basta fare.. 🙂

Ciao

P.S. Nel maggio del 2009 ho partecipato a un secondo CT specifico sull’Alfa 149/Giulietta con notevoli variazioni rispetto a quanto visto nel 2006. Il resoconto è qui: (Clinic Test) Alfa Giulietta (ex Alfa 149, ex Alfa Milano)

Annunci

16 Risposte to “[Clinic Test] Nuova Fiat Bravo e Alfa Giulietta (ex Alfa 149, ex Alfa Milano)”

  1. Cristiano said

    (AutoBlog) Alfa Romeo 149/Milano: indiscrezioni su un probabile rinvio al 2010http://www.autoblog.it/post/17754/alfa-romeo-149milano-indiscrezioni-su-un-probabile-rinvio-al-2010pubblicato: lunedì 19 gennaio 2009 da Fabio Sciarra in: Alfa Romeo Anticipazioni Hatchback Secondo nuove indiscrezioni comparse sul forum di Autopareri grazie ad alcuni dipendenti del Biscione, l’attesa Alfa Romeo 149/Milano potrebbe andare incontro ad un rinvio di qualche mese sulla data prevista inizialmente per il debutto. La presentazione della sostituta della 147 slitterebbe dal Q3 di quest’anno (a fine giugno era in programma la presentazione, a fine settembre la commercializzazione) fino alla fine di gennaio 2010.Nei corridoi del Lingotto si dice che uscire con un modello così importante ancora nel pieno della crisi del settore sia un rischio troppo grande da correre: meglio aspettare l’esaurimento della tempesta, che secondo i più dovrebbe arrivare proprio a cavallo tra quest’anno e il prossimo.Per il resto, sono arrivati on-line alcuni nuovi dati tecnici: il cX sarebbe di 0,28 e il corpo vettura avrebbe misure identiche a quelle della Bravo (435 cm la lunghezza), fatta eccezione per l’altezza di 143 cm (-7 rispetto alla Fiat), il passo, 3 cm più lungo e lo sbalzo anteriore, 3 cm più corto.Al reparto sospensioni la notizia più interessante riguarda l’anteriore, dove debutterà un McPherson dotato di una traversa molto rigida e montanti in alluminio, per un insieme capace di una resa “eccellente in termini di direzionalità e precisione”, a detta dei collaudatori che l’hanno provata. Non mancheranno comunque altre novità degne di nota, come ad esempio un sistema di controllo e riduzione del rollio del veicolo.Per quanto riguarda lo sterzo, l’unità -dotata di servosassistenza elettroidraulica- dovrebbe avere un rapporto pari a 12:1, indice di una notevole precisione di guida, mentre in merito alla trazione -anteriore- non mancherà l’Electronic Q2 né è da escludere l’adozione delle quattro ruote motrici, viste anche le potenze in ballo sulle motorizzazioni top.Per ora sembra che l’offerta verterà su quattro unità, il 1.6 JTDm 120 CV, il 1.4 JTB Multiair da 135 o 165 CV, il 2.0 JTDm da 170 o 220 CV (prima unità probabilmente dotata della trazione integrale) e il 1.8 JTB da 230 o 265 CV, per le quali le quattro ruote motrici sembrano (quasi) imprescindibili.

    Mi piace

  2. Cristiano said

    E\’ ufficiale…. l\’Alfa 149 *NON* sarà lanciata entro il 2009, come precedentemente pvrevisto dallo stesso Gruppo Fiat, ma slitta al 2010——————————————————————————–http://www.borsaitaliana.it/bitApp/news.bit?target=NewsViewer&id=549445&lang=itFiat: tra lanci chiave 09 non inclusa nuova Alfa 149MILANO (MF-DJ)–Tra i lanci di "prodotti chiave" previsti dalla Fiat per il 2009 non e\’ inclusa l\’erede dell\’Alfa Romeo 147, per il momento nota con il numero 149. Lo si apprende dalle slide di presentazione dei risultati annuali e semestrali nelle quali si confermano i lanci della Fiat 500 decappottabile, della Grande Punto FL, della gamma Gpl e dell\’Alfa 8C Spider. Red/mur

    Mi piace

  3. Cristiano said

    Ciao Cari…. ulteriori novità"Proprio stamattina ho trovato la conferma che il rinvio della 149 non è stato deciso per pure motivazioni commerciali riguardanti la crisi…. è che, già nei mesi scorsi, non si era iniziato a preparare alla produzione del nuovo lo stabilimento di Cassinohttp://iltempo.ilsole24ore.com/frosinone/2009/01/24/980344-sara_anno_della_cassintegrazione.shtmlI periodi di cassa integrazione, secondo una prima previsione del Lingotto dovevano terminare nel mese di giugno, ora però l\’amministratore delegato, Marchionne ha confermato le indiscrezioni circolate nei giorni scorsi, secondo le quali per uttto il 2009 ci sarà la cassa integrazione per tutte le fabbriche del gruppo.Una vera e propria doccia fredda sia per i lavoratori dello stabilimento cassinate e sia soprattutto per quelli dell\’indotto.La riduzione delle commesse da parte della Fiat ridurranno la produzione nelle fabbriche dell\’indotto, molte delle quali, non potendo usufruire del periodo di cassa integrazione straordinaria per l\’esiguità del numero dei dipendenti, rischiano di chiudere.********************************I primi segnali preoccupanti arrivano dalle linee dove dovrà essere prodotta l\’Alfa 149. Il procedimento di adeguamento degli strumenti tecnologici per costruire la nuova autovettura rallentano e tutto lascia presagire uno slittamento nella produzione che necessariamente avrà riflessi negativi sull\’intero ciclo produttivo aziendale.****************************Intanto la notizia dell\’acquisto di una quota della Chrysler americana è stata salutata con ottimismo dagli amministratori locali, a partire proprio dal sindaco della Città Martire, Bruno Scittarelli. ìL\’apertura alla Fiat del mercato americano apre nuove prospettive di sviluppo e di occupazione per l\’intero gruppo Fiat – ha detto il primo cittadino – Cassino ed il Cassinate, che alla Fiat sono profondamente grati per aver essa contribuito fortemente ad aiutare questo territorio ad uscire dal sottosviluppo e ad avviarsi verso la prosperità economica, oggi guardano a questa azienda con rinnovato interesse per quanto essa potrà fare per garantire, anche per il futuro, l\’occupazione presso i nostri stabilimenti e nell\’indotto ad essi collegato. Il consolidamento della Fiat a livello mondiale, quindi, deve essere salutato positivamente ma, al tempo stesso, non deve fare abbassare la guardia alla politica e alle rappresentanze istituzionali della nostra Regione a tutti i livelli per procedere speditamente verso quella diversificazione produttiva ".

    Mi piace

  4. Cristiano said

    Altro che ritardi "per la crisi"…non è ancora chiaro al 100% dove la faranno la 149… Cassinohttp://iltempo.ilsole24ore.com/frosinone/2009/01/30/982923-fiat_marrazzo_invoca_governo.shtmlFiat, Marrazzo invoca il Governo Convocare le parti sociali per concordare insieme i passi da fare in modo da scongiurare il pericolo che minaccia la Fiat e il suo indotto. Il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo è preoccupato per la crisi dell\’industria automobilistica e, in particolare per le pesanti ricadute che potrebbe avere per l\’intera economia della Provincia di Frosinone, già in possesso di un triste primato, quello per le ore di cassa integrazione pro capite.«So bene che non possiamo agire in solitudine – ha detto il governatore – per questo chiedo al Governo di interve-nire tempestivamente per aiutare la Fiat ad affrontare la cri-si." Le parole di Marrazzo arrivano all\’indomani dell\’incontro a Palazzo Chigi tra sindacati, rappresentanti del Governo e quelli della Fiat: un vertice che è stato, secondo le organizzazioni sindacali, del tutto inconsistente. Ci si è impegnati a trovare delle misure anticrisi entro dieci giorni, ma secondo i sindaca-ti, serve un intervento forte e deciso. Voci di corridoio parla-no dell\’entrata in gioco di banche di un certo spessore, un po\’ come accaduto negli Stati Uniti. Ma la crisi generale della Fiat mette subito in evidenza le carenze dell\’economia della provin-cia di Frosinone, del cassinate in particolare. Ma anche di al-tre realtà. E\’ il caso di Pomigliano D\’Arco i cui rappresentanti a Palazzo Chigi si sono presentati con i manifesti «Pomigliano non si tocca». Il riferimento è chiaro: tutto nasce dalla deci-sione di portare in produzione l\’Alfa 149 nello stabilimento di Piedimonte San Germano. E mercoledì, davanti a palazzo Chigi, c\’era però anche una delegazione di operai e sindacalisti arrivati da Cssino. Intanto nell\’impianto del cassinate continuano i turni di lavoro a singhiozzo, con nuove settimane di cassa integrazione annunciate anche a marzo. Nel frattempo si resta in attesa degli aiuti da parte del Governo, anche se i sindacati li ritengono «residuali», almeno fino a quando il ministro Calderoli e la Lega continueranno a fare ostruzionismo. Sulla vicenda è sceso in campo anche il segretario del Pd Mauro Buschini il quale ha penalizzato il Governo che continua a temporeggiare. Indice puntato su Iannarilli che a suo dire non si è mai preoccupato più di tanto della situazione occupazione dei lavoratori Fiat. Lo.Di.Bra.

    Mi piace

  5. Cristiano said

    Ulteriori novità sul caso politico che è diventato la gestione del passaggio di consegne fra la 147 e la 149http://www.denaro.it/VisArticolo.aspx?IdArt=557604Pomigliano, il caso va in Consiglio Domani seduta sulla crisi Fiat. Oggi assemblea al Vico, via a nuove mobilitazioni Il caso Pomigliano approda in Consiglio regionale. La conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari, presieduta dal presidente del parlamentino Sandra Lonardo, ha deciso all\’unanimità di tenere domani (dalle 12 alle 16) una seduta consiliare monotematica sulla crisi della Fiat nell\’ambito del problema della desertificazione industriale in Campania. Ad aprire la seduta sarà l\’assessore regionale alle Attività produttive Andrea Cozzolino; l\’obbiettivo è l\’approvazione di un documento da sottoporre all\’impegno del governo. Giovanni Brancaccio A proporre la seduta monotematica dedicata a Pomigliano d\’Arco erano stati i consiglieri regionali Antonio Scala (Sd) e Salvatore Ronghi (Mpa). Al Giambattista Vico, intanto, la mobilitazione dei lavoratori non si ferma. Oggi dalle 9-30 alle 10.30, e poi dalle 15 alle 16, è in programma l\’assemblea di fabbrica che deciderà il calendario delle prossime mobilitazioni. Lunedì 17 febbraio è previsto un presidio presso la sede Rai di Napoli. Poi sarà la volta di una manifestazione cittafina unitari da tenersi a Pomigliano il 27 febbraio. Le tute blu del Vico, dunque, non mollano, anche se lo stato di salute dell\’intero settore auto continua a essere molto precario. Gli ultimi dati, diffusi ieri dall\’Istat, parlano di una situazione drammatica: a fine 2008 il calo di produzione è stato del 18 per cento sull\’anno, nel solo mese di dicembre la flessione ha toccato il 48 per cento. In questa situazione, questo è il timore espresso non solo dai sindacati, il piano di incentivi varato dal Governo rischia di essere soltanto un palliativo; peraltro le ricadute su Pomigliano sono controverse:?"A Pomigliano – spiega il leader della Fiom Napoli Massimo Brancato – la Fiat produce Alfa 147, Alfa 159 (berlina e cross wagon) e Alfa Gt. La dotazione dei motori di questi modelli non rientra nelle tipologie previste per gli incentivi alla rottamazione, in quanto le emissioni di Co2 non sono, pur trattandosi di vetture euro 4 o 5, inferiori a 140g/km se motorizzate benzina e 130 g/km se motorizzate diesel. Questa situazione determina un problema in più per Pomigliano che, più di ogni altro stabilimento del Gruppo, sta pagando gli effetti della crisi".Le preoccupazioni delle tute blu di Pomigliano, peraltro, non sono legate soltanto alla crisi di mercato, ma anche al silenzio di Fiat sul futuro produttivo dello stabilimento. A parte le dosi massicce di Cassa integrazione, Pomigliano, hanno ricordato nei giorni scorsi i sindacati, è l\’unico sito produttivo del Lingotto ancora privo di una missione industriale. Fiat non ha ancora annunciato su quali produzioni il Vico sarà impegnato e, soprattutto, come intenda far fronte al vuoto che lascerà il modello di punta, dal punto di vista produttivo, made in Pomigliano, l\’Alfa 147, la cui erede, Alfa 149, verrà prodotta a Cassino. del 11-02-2009 num. 027

    Mi piace

  6. Cristiano said

    Ciao a tuttiE\’ ufficiale!!… l\’Alfa 149 si chiamerà Alfa MilanoAlfa Romeo: confermati definitivamente i nomi Milano e Giuliapubblicato: mercoledì 18 febbraio 2009 da Fabio Sciarra in: Annunci Alfa Romeo Berline Hatchback http://www.autoblog.it/post/18320/alfa-romeo-confermati-definitivamente-i-nomi-milano-e-giuliaLe eredi delle attuali Alfa 147 e 159 si chiameranno rispettivamente Milano e Giulia. La notizia è ufficiale e proviene dal piano di risanamento che Chrysler ha dovuto presentare ieri alla Casa Bianca per ottenere la seconda parte degli aiuti statali: i due modelli Alfa rientrano nei programmi di ristrutturazione di Auburn Hills, dato che in un secondo momento saranno costruiti anche in America proprio a cura della Casa del Michigan.L’Alfa Milano sarà presentata nella primavera del 2010, come anticipavamo un mese fa. Ben più lunga sarà invece l’attesa per la Giulia, la sostituta della 159. Il debutto del Progetto 953 è in programma per fine 2011, quindi fra oltre due anni e mezzo. Come la 159, anche la Giulia darà vita ad una variante Sportwagon.Automotive News accredita inoltre l’ipotesi che vede Fiat salire dal 35 al 55% di Chrysler, dopo l’acquisto del 19,9% ancora nelle mani di Mercedes. L’esborso per questa crescita nella partecipazione potrebbe raggiungere i 200 milioni di dollari.

    Mi piace

  7. Enzo said

    Marchionne è troppo intelligente per acquistare il restante 20% da Mercedes (Mercedes dalla partecipazione in Chrysler ha perso un bel pò di soldi con l\’ultimo bilancio di Chrysler (http://finanza.repubblica.it/News_Dettaglio.aspx?del=20090217&fonte=TLB&codnews=642). Penso che in cambio di un altro 20% da Cerberus inietterà nella società altri soldi.

    Mi piace

  8. Cristiano said

    Ciao Enzo Anche secondo me…certo però che io trovo particolarmente "irritante" chiamare Alfa Milano un\’auto che del DNA Alfa Romeo non ha praticamente nulla… ne è fatta a Milano

    Mi piace

  9. Enzo said

    …certo però che io trovo particolarmente "irritante" chiamare Alfa Milano un\’auto che del DNA Alfa Romeo non ha praticamente nulla… ne è fatta a Milano Anche a me dispiace, così dimostrano la poca continuità e sicurezza, oltre al fatto che i numeri per me andavano benissimo e potevano non cambiare come fatto anche dai tedeschi. Come sai ad Arese ci sono stato per 4 mesi per lo stage del 3 anno di uni, perciò conosco luoghi e persone, uno fra questi si ricorda le linee di montaggio della Giulia!!E\’ brutto vedere decine di capannoni completamente vuoti…Lì c\’è ancora l\’ultimo baluardo della vera Alfa, che ahimè è scomparsa. Purtroppo al posto di rilanciarla la Fiat l\’ha sempre vista come il sottrarre alla Ford un temibile concorrente. Pensa a come sarebbe se l\’avesse "trattata" come la Volkswagen fa con Audi: piena autonomia e rilancio con 2 milioni di euro di investimenti per nuovi prodotti ogni anno dal 2005 al 2010!!Per la 149/Milano sono curiosissimo di provarla per vedere se queste Mcpherson "evolute" e il bilink posteriori (con amio ricorso di alluminio) siano veramente all\’altezza della concorrenza e della precedente 147. P.S.Considera anche che questa scelta è stata determinata per questione di costi e decisamente anche contrastata all\’interno di Fiat dove alcuni sostenitori del quadrilatero erano contrari. Perciò hanno fatto anche delle prove su 147 dei vari sistemi e hanno chiamato i vari capi per provarle. Risultato? Quella che andava meglio aveva le sospensioni previste dalla 149 e tutti a tacere invece di rincarare la dose visto che le sospensioni confrontate sono l\’una di alluminio e progettate nel 2008 mentre quelle di 147 sono vecchie di dieci anni e sono un adattamento del quadrilatero sul pianale Tipo III (quello della prima Bravo)!

    Mi piace

  10. Cristiano said

    Ciao "P.S.Considera anche che questa scelta è stata determinata per questione di costi e decisamente anche contrastata all\’interno di Fiat dove alcuni sostenitori del quadrilatero erano contrari. Perciò hanno fatto anche delle prove su 147 dei vari sistemi e hanno chiamato i vari capi per provarle. Risultato? Quella che andava meglio aveva le sospensioni previste dalla 149 e tutti a tacere invece di rincarare la dose visto che le sospensioni confrontate sono l\’una di alluminio e progettate nel 2008 mentre quelle di 147 sono vecchie di dieci anni e sono un adattamento del quadrilatero sul pianale Tipo III (quello della prima Bravo)!" Ecco…io direi che a QUESTO non c\’è commento…

    Mi piace

  11. Enzo said

    Per di più avevano la strada spianata e ormai un\’identità creata con i quadrilateri sin dalla 156 e ora buttano tutto nel cesso!Se Audi è quella del "quattro", Bmw quella della "trazione posteriore" e Mercedes del "confort e affidabilità (era!!)" noi eravamo diventati quelli del "quadrilatero su TA che è divertente come una TP e non si gira"…Per di più con il Q2 meccanico sono arrivati all\’eccellenza e ti metto la mano sul fuoco visto che ho provato e riprovato la 147 Q2 Ducati corse di mio zio!

    Mi piace

  12. Cristiano said

    Lo so…è assurdo che lascino una soluzione così caratterizzante….ed è anche l\’unica che gli era rimasta…..

    Mi piace

  13. Enzo said

    E\’ onfermato l\’inizio della produzione per ottobre e quindi il lancio commerciale per gennao 2010

    Mi piace

  14. Enzo said

    come al solito nel gruppo Fiat i progetti si creano, ammuffiscono sullo scaffare e dopo anni arrivano alla produzione. Esempi? Lancia Lybra, Alfa 166…. a cui fanno capolino 149/Milano e Giulia che arriverà a fie del 2010 o addirittura nel 2011!!

    Mi piace

  15. Cristiano said

    Già, putroppo di esempi di auto che nascono già "vecchie" è pieno il passato degl Gruppo… a questo punto sono curioso di vedere comè sarà la prossima generazione della Bravo. Quando nascerà la Giulia la media della Fiat da cui deriva, avrà già 4 anni abbondanti di vita commerciale…

    Mi piace

  16. Cristiano said

    Ciao a tuttiVenerdi 22 05 2009 ho (ri) provato ll\’Alfa 149…ora Alfa Milano e il resoconto di quel Clinic Test è a questo link:http://drpianale.spaces.live.com/blog/cns!6570D04A3672F005!58881.entry

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: