Il Mondo del Dr. Pianale

Il Mondo per chi ama Viaggiare, Guidare, Pensare

Posts Tagged ‘VARIE’

StarWars – Esselunga

Posted by Dr. Pianale su 13 gennaio 2016

StarWars – Esselunga

20160113_19074920160113-000220160113_19144720160113_19160220160113-000720160113_191525

Rollinz Star Wars – Esselunga

20160221_12102520160221_121006

Posted in VARIE | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Ecco come drogano le nostre menti

Posted by Dr. Pianale su 17 gennaio 2011

Ecco come drogano le nostre menti

60042 431333057381 71253357381 5626159 5887670 n Ecco come drogano le nostre menti, lo spiega il neurolinguista Noam Chomsky

La manipolazione mediatica ormai non ha confini. Il consenso politico e quello d’opinione è regolato attraverso ben precise strategie mediatiche che si appoggiano su 10 regole di base. Noam Chomsky ci aiuta a svelare l’inganno.

Per questo ringrazio l’amico Tonino Basile che mi ha girato questo scritto da leggere con attenzione e riflettere.

In questi giorni di forte instabilità politica si riaccendono i toni e si rimescolano i temi che hanno animato il calderone mediatico degli ultimi 15 anni: sicurezza, giustizia, economia, tradimento, sesso. Nel nostro Paese succede che molti ingenui continuino ad esempio a meravigliarsi delle boutade del presidente del Consiglio, limitandosi a bollare barzellette e proclami del premier brianzolo come uscite inammissibili, senza considerare quanta macchinazione logica stia dietro ad ogni singola affermazione. Un meccanismo ben oliato a cui fanno ricorso non solo uomini politici, ma esperti di marketing e uomini di potere in genere. Un noto studioso di linguistica come Noam Chomsky ha stilato una lista di 10 regole, che vengono utilizzate per drogare le menti, ammaliandole, confondendo in loro ogni percezione, rimescolando realtà e fantasia, evidenza e costruzione illusoria. Ecco quali sono:

1-La strategia della distrazione

L’elemento primordiale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dei cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche, attraverso la tecnica del diluvio o inondazioni di continue distrazioni e di informazioni insignificanti. La strategia della distrazione è anche indispensabile per impedire al pubblico d’interessarsi alle conoscenze essenziali, nell’area della scienza, l’economia, la psicologia, la neurobiologia e la cibernetica. “Mantenere l’Attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza. Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).

2- Creare problemi e poi offrire le soluzioni

Questo metodo è anche chiamato “problema- reazione- soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” prevista per causare una certa reazione da parte del pubblico, con lo scopo che sia questo il mandante delle misure che si desiderano far accettare. Ad esempio: lasciare che si dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, o organizzare attentati sanguinosi, con lo scopo che il pubblico sia chi richiede le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito della libertà. O anche: creare una crisi economica per far accettare come un male necessario la retrocessione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

3- La strategia della gradualità

Per far accettare una misura inaccettabile, basta applicarla gradualmente, a contagocce, per anni consecutivi. E’ in questo modo che condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte durante i decenni degli anni 80 e 90: Stato minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione in massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero state applicate in una sola volta.

4- La strategia del differire

Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come “dolorosa e necessaria”, ottenendo l’accettazione pubblica, nel momento, per un’applicazione futura. E’ più facile accettare un sacrificio futuro che un sacrificio immediato. Prima, perché lo sforzo non è quello impiegato immediatamente. Secondo, perché il pubblico, la massa, ha sempre la tendenza a sperare ingenuamente che “tutto andrà meglio domani” e che il sacrificio richiesto potrebbe essere evitato. Questo dà più tempo al pubblico per abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo rassegnato quando arriva il momento.

5- Rivolgersi al pubblico come ai bambini

La maggior parte della pubblicità diretta al gran pubblico, usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, molte volte vicino alla debolezza, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente mentale. Quando più si cerca di ingannare lo spettatore più si tende ad usare un tono infantile. Perché? “Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà, con certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno (vedere “Armi silenziosi per guerre tranquille”).

6- Usare l’aspetto emotivo molto più della riflessione

Sfruttate l’emozione è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale e, infine, il senso critico dell’individuo. Inoltre, l’uso del registro emotivo permette aprire la porta d’accesso all’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o indurre comportamenti….

7- Mantenere il pubblico nell’ignoranza e nella mediocrità

Far si che il pubblico sia incapace di comprendere le tecnologie ed i metodi usati per il suo controllo e la sua schiavitù. “La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile, in modo che la distanza dell’ignoranza che pianifica tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impossibile da colmare dalle classi inferiori”.

8- Stimolare il pubblico ad essere compiacente con la mediocrità

Spingere il pubblico a ritenere che è di moda essere stupidi, volgari e ignoranti…

9- Rafforzare l’auto-colpevolezza

Far credere all’individuo che è soltanto lui il colpevole della sua disgrazia, per causa della sua insufficiente intelligenza, delle sue capacità o dei suoi sforzi. Così, invece di ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto svaluta e s’incolpa, cosa che crea a sua volta uno stato depressivo, uno dei cui effetti è l’inibizione della sua azione. E senza azione non c’è rivoluzione!

10- Conoscere gli individui meglio di quanto loro stessi si conoscano

Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno generato un divario crescente tra le conoscenze del pubblico e quelle possedute e utilizzate dalle élites dominanti. Grazie alla biologia, la neurobiologia, e la psicologia applicata, il “sistema” ha goduto di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia nella sua forma fisica che psichica. Il sistema è riuscito a conoscere meglio l’individuo comune di quanto egli stesso si conosca. Questo significa che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un controllo maggiore ed un gran potere sugli individui, maggiore di quello che lo stesso individuo esercita su sé stesso.

Posted in VARIE | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Trazione Posteriore e mattoni

Posted by Dr. Pianale su 25 febbraio 2010

Trazione Posteriore e mattoni

Qualcuno gli ha detto che le trazioni posteriori è meglio mettere i mattoni nel bagagliaio per essere sicuri d’inverno e farle stare meglio in strada

Posted in AUTOMOBILI e VEICOLI | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Arredo Urbano

Posted by Dr. Pianale su 18 dicembre 2005

Arredo Urbano

2005

2005_1218Image0078

2005_1218Image00762005_1218Image0075

2012

29042012702280420126982804201269928042012700

Posted in AUTOMOBILI e VEICOLI, VARIE | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lo strano caso del Dr. Pianale e Mr. CF

Posted by Dr. Pianale su 25 gennaio 2002

Lo strano caso del Dr. Pianale e Mr. CF

(postato su It.Discussioni.Auto il 25/01/2002: http://groups.google.com/group/it.discussioni.auto/browse_thread/thread/c0e1dead0961eb35/70ddc5523a052fed?hl=it#70ddc5523a052fed )

Ciao a tutti

Lunedi 21 ho ricevuto la seguente mail:

PIATTAFORME & PIANALI
Ciao Cristiano!!!
Innanzi tutto, desidero presentarmi ed esporti in modo chiaro e
sintetico(spero:)
le ragioni di questa mail.
Mi chiamo XXXXXXXXX e sono uno studente di economia, iscritto presso
l’Università Bocconi di Milano, alle prese con la tesi di laurea. Nello
specifico, mi sto occupando di un progetto di ricerca "empirica",
finalizzato
all’individuazione delle principali determinanti dell’innovazione di
prodotto
nel settore dell’auto.
Attraverso un’attenta analisi condotta su un arco temporale di 25 anni
(1975-2000),mediante
il confronto mensile dei listini ufficiali della rivista Quattroruote,ho
cercato di stimare il numero di nuovi modelli introdotti dai diversi
produttori
nel corso di ciascun anno. Al tempo stesso, però, ho cercato anche di
comprenderne
le modalità di sviluppo, evidenziando separatamente il numero di quei
modelli,
o sviluppati attraverso joint ventures con i concorrenti, o contraddistinti
dall’impiego dello stesso pianale.
L’esigenza di scriverti scaturisce proprio dalla necessità di raccogliere
quante
più informazioni è possibile sulla genesi di nuovi modelli, con particolare
riferimento ai due aspetti in precedenza evidenziati.
Provando a cercare informazioni su Internet, mi sono imbattuto nel gruppo
di discussione di Google a cui tu hai preso parte e ho letto della tua
"passione
per i pianali", restando favorevolmente
impressionato dalle tue conoscenze sul settore, quindi, ho pensato di
scriverti!!!
Ciò che ti chiedo, compatibilmente con i tuoi impegni, è di integrare le
informazioni in mio possesso, raccolte nel file "Piattaforme & JV", con
tutto ciò di cui sei a conoscenza (meglio
se riferito ai produttori giapponesi) riguardo l’impiego di piattaforme
comuni e gli accordi tra imprese per lo sviluppo congiunto di nuove auto.
L’altro file (Tabelle nuovi prodotti) contiene una serie di tabelle in cui
sono
indicati i nuovi modelli sviluppati nel corso di ciascun anno dai diversi
produttori; ho pensato d’inviartelo perchè, forse, potrebbe aiutarti a
richiamare
alla mente informazioni e quant’altro sullo sviluppo di ciascun nuovo
modello,
oltre a rappresentare, comunque,un elemento di conoscenza ulteriore.
Spero di averti illustrato con chiarezza le "nobili" 🙂 ragioni di questa
mail;
so di chiederti molto, ma con il tuo contributo e la tua competenza potrei
sviluppare il lavoro con maggiore scientificità e rigore, ottenendo
risultati più attendibili e significativi.
Ti ringrazio anticipatamente per l’aiuto/suggerimenti (anche su
articoli,siti,ecc.)
che vorrai darmi, promettendoti una menzione speciale 🙂 nella mia tesi
e, se lo vorrai,i risultati della mia ricerca.
Ah dimenticavo, un piccolo problema: ho tempo fino a mercoledì per
consegnare
una prima parte del lavoro al Prof., quindi ti chiederei di rispondermi
entro martedì in modo da avere almeno un giorno per elaborare le
informazioni
in tuo possesso.
Saluti e a presto

FINE

Ovviamente oltre a sentirmi ENORMEMENTE onorato gli ho dato una mano
correggendo nei limiti della mia memoria i suoi dati sui pianali e
RIspedendolo

Il giorno dopo, il 22 mi ha risposto

GRAZIE DI ESISTERE
Ciao Cristiano,
desidero innanzi tutto ringraziarti e sottolinearti che l’onore è "solo"
mio poiché, davvero, il tuo contributo conferisce grande valore alla mia
tesi.
Pensa, ne ho parlato anche col Prof.,che ha approvato la mia decisione di
rivolgermi a te, qualificandoti, poi, all’interno della tesi come un
"informatore-chiave"…1"memoria
di dati vivente":)!!!
Come avrai avuto modo di capire dai dati che ho raccolto, io non sono
un grande esperto di auto (come te e pochi altri del ng); mi piacciono
le belle macchine e ho deciso di avvicinarmi a questo settore per conoscerlo
meglio in occasione della mia tesi. Insomma, voglio dire che tu hai un’idea
molto più precisa del "prodotto" auto, sai bene com’è fatta in ogni sua
parte, io,invece,tutto quello che so è soltanto il frutto
di 5 lunghi mesi di ricerche trascorsi tra la sede di Rozzano di 4R, la
biblioteca Sormani, l’Anfia di Torino,1 "salto" in Ferrari,ecc..
Devo,quindi,ancora farne di strada ma,comunque,credo che non si finisca
mai d’imparare e,così,continuerò ad approfondire i miei studi sul tema e
a fugare i miei "molti" dubbi(grazie anche alle tue preziose "pillole" di
sapere tecnico)!!Ora abbandono il "violino" 🙂 (anche se ci tengo a sottolineare
che mi sono rivolto solo a te per avere notizie, perchè ho ritenuto, sulla
base dei tuoi interventi, che fossi una persona seria e competente, insomma
una fonte "autorevole") dicevo lascio il violino per chiederti un altro
piccolo sforzo!!!
Premetto che meriti già un "monumento" solo per quello che hai fatto per
me fino ad ora;ti chiederei,però,leggendo il file "nuovi prodotti" di excel
di fornirmi "NUOVE" informazioni in merito alla genesi di quelle auto di
cui io non ho scritto nulla nel file di word!!!Avrai notato che il mio
"data-set"
è debole soprattutto riguardo alle auto giapponesi e coreane, e per quelle
europee dal ’75 al ’90 credo di aver tralasciato "non poco"…tra
piattaforme
condivise e Joint Ventures(molte berline e SW magari hanno il
pianale in comune tipo Thema, ma io ho preferito non pronunciarmi per non
sparare cazzate!!!)
A me restano ancora 48 ore (come il film) per completare il
"data-set"(confido
nella "Treccani" dei pianali per renderlo ancor più completo, Joint Ventures
e piattaforme per tutti i modelli di cui non ho scritto nulla, Japan in
testa),entro la mezzanotte di mercoledì i miei due files devono partire
nella versione definitiva verso la casella del Prof..
Grazie di cuore per quanto hai fatto fino ad ora e vorrai fare…aspetto
una tua mail (anche di soli saluti,fanno bene al morale:) entro domani
sera/mercoledì
pranzo(MAX).

FINE

Ora la Tesi è stata consegnata e fino a martedi prossimo i risultati non ci
saranno…. spero tanto gli vada bene.

Ma veniamo al senso di tutto ciò….
La prima cosa, come ho detto è quello di sentirsi ONORATO, soprattutto perche
riferito ad un argomento che per ignoti motivi su IDA è sottovalutato, mentre
è di vitale importanza per le Case….
Prima nascono Pianali o Piattaforme nei centri di ricerca e poi le auto che
guidiamo fisicamente…
Per questo da oggi cambio ‘leggermente’ il nick e aggiungo DOTTOR PIANALE.

La seconda cosa è più triste… e IMHO tocca il senso di IDA…
Ho toccato con mano di persona (e non solo a parole come fino ad oggi) che
IDA è una realtà che supera noi stessi che ci ‘cazzeggiamo’
quotidianamente….
C’è una tale mole di post su migliaia di argomenti sparsi nella rete che una
persona che faccia una ricerca automobilistica in Italiano ha moltissime
probabilità di beccare qualcosa scritto da noi….io stesso ho verificato
che persino in WAP sono finiti nostri post.
Oggi è capitato a me..domani potrebbe capitare a chiunque….
E comunque tanta gente legge IDA e si forma un’opinione e per questo le
risse di questa settimana, le parolacce i personalismi, la mancanza di
obiettività IMHO sono pericolose.
La persona che mi ha contattato si presenterà personalmente nei prossimi
giorni, su mio invito, ma proprio questa settimana mi sono ‘vergognato’ di
una sua eventuale lurkatura generica.

Domanda generale…ma sono solo io che SENTO che quello che scrivo potrebbe
essere leggo da tutti e cerco di responsabilizzarmi della cosa?

E così accanto a un Mr CF dedito al sano e storico cazzeggio IDAno c’è un Dr
PIANALE dedicato all’informazione, anche noiosa e non piacevole.

Mr CF è d’accordissimo con tutti che qui si vive di IDA legend, racconti e
cene…..
Dr PIANALE vede un’IDA fatta anche di post tipo ‘ALTROCONSUMO’ in cui fra
noi e le nostre esperienze si riesca ad elaborare un pensiero
automobilistico su quella che è la REALE offerta e situazione e non quello
che ci dicono le Case

Ok…. post palloso e riflessivo…

Comunque d’ora in poi siete autorizzati a darmi del COLORO quando vi
rivolgete a me….

:-)))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))

Ciao dal Dr Pianale

Posted in MSN, VARIE | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: