Il Mondo del Dr. Pianale

Il Mondo per chi ama Viaggiare, Guidare, Pensare

Posts Tagged ‘Mediterraneo’

Crociera 2008 – "Mare del Nord e Mediterraneo" con Costa Marina – Itinerario

Posted by Dr. Pianale su 30 agosto 2008

(Le mie Crociere)

Mare del Nord e Mediterraneo

(Gran Bretagna, Francia, Spagna, Marocco)

 
Mare del Nord e Mediterraneo
 

(Costa Marina – 2008)

RIASSUNTO

DETTAGLIO

Giorno
Itinerario
Arrivo
Partenza
 Escursione
Giorno 1
30 ago 2008
17.00
Giorno 2
31 ago 2008
8.00
19.00
Giorno 3
1 set 2008
Guernsey (Gran Bretagna) causa maltempo sostituita da:
Cherbourg (Francia)
8.00
18.00
Giorno 4
2 set 2008
… navigazione …
Giorno 5
3 set 2008
8.00
19.00
Giorno 6
4 set 2008
12.00
20.00
Giorno 7
5 set 2008
… navigazione …
Giorno 8
6 set 2008
8.00
19.00
Giorno 9
7 set 2008
13.00
19.00
Giorno 10
8 set 2008
8.00
14.00
Giorno 11
9 set 2008
… navigazione …
Giorno 12
10 set 2008
10.00

Posted in 2008 Mare del Nord e Mediterraneo, CROCIERE, VIAGGI e LUOGHI | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Crociera 2008 – "Mare del Nord e Mediterraneo" con Costa Marina – Riassunto

Posted by Dr. Pianale su 30 agosto 2008

(Le mie Crociere)

(Itinerario)

Mare del Nord e Mediterraneo

(Gran Bretagna, Francia, Spagna, Marocco)

Mare del Nord e Mediterraneo 
(Costa Marina – 2008)
 

AMSTERDAM (Olanda) – Sabato 30 agosto 2008

Eccola la Marina, è lei, si intravede dietro le vetrate della stazione marittima…è giusto partire con lei come protagonista in questa splendida giornata di sole ad Amsterdam

Partiamo, veniamo festeggiati così

Amsterdam è anche terminal delle navi fluviali sul Reno… in teoria sarebbe stato possibile salire sulla Marina, non prendendo l’aereo fino all’Olanda, ma imbarcandosi in Svizzera a Basilea.
E’ bello vedere di due mondi, quello delle crociere marine e quelle fluviali, che si incontrano

Usciamo dal porto e ci avviamo lungo il canale che collega Amsterdam al Mare del Nord

Lungo il canale…

Parte dell’equipaggio si rilassa nel ponte sotto la vetrata di poppa

I mulini a vento sono diventati moderni generatori eolici

Arriviamo nell’area delle chiuse di IJmuiden, stiamo per uscire in mare aperto

Dietro di noi si chiude la chiusa dal Canale

Davanti a noi si apre il Mare del Nord

Inizia la navigazione marina della Marina

Tramonto nel Mare del Nord

Tutte le foto e il dettaglio della giornata sono qui: Volo, imbarco e partenza da Amsterdam

DOVER (Inghilterra) – Domenica 31 agosto 2008

Prima Parte

La piccola Marina arriva a Dover di primo mattino. Essendoci già stato con l’Atlantica nel 2005 non abbiamo fatto la "classica" escursione a Londra (che invece fecero i miei genitori e sarà oggetto delle foto della seconda parte), ma optiamo per l’interessantissima e poco richiesta escursione giornaliera "RYE MEDIEVALE, CANTERBURY & CASTELLO DI DOVER"
Entriamo nel porto di Dover all’alba

Preso il pullman andiamo a Rye, nel porto canale del paese c’è la bassa marea…

Entriamo nella parte più antica di Rye con i suoi caratteristici vicoli, le case a graticcio e mattoni e ambiente molto Old England… a chi piace il genere, la visita merita veramente

Non è decisamente una vita stressante quella di chi vive a Rye…

High Street a Canterbury… c’è decisamente più gente

L’ingresso alla celebre cattedrale gotica di Canterbury che non è sulla pubblica piazza

L’ingresso al Castello di Dover, passiamo la porta delle mura esterne

La salita al nucleo centrale del Castello

Dalla torre la vista su Dover, si intravede la piccola Marina in porto

La vista sul Canale del Manica e le costruzioni interne al castello. Un traghetto (il punto bianco sulla sinistra) va verso la Francia

La cappella del castello co affianco la torre dell’antico faro romano quasi perfettamente conservato

Tutti i dettagli le foto sono qui:
1: Escursione: "Rye Medievale, Canterbury & Castello di Dover” (Rye)
2: Escursione: "Rye Medievale, Canterbury & Castello di Dover” (Canterbury)
3: Escursione: "Rye Medievale, Canterbury & Castello di Dover" (Castello) e partenza dal Dover

Seconda parte

Mentre io mi dedicavo all’escursione nelle città e campagne del Sussex e del Kent, i miei genitori facevano la più classica e gettonata delle escursioni da Dover: "LONDRA"
Però loro, pur non essendo a centinai di km di distanza dall’attracco, hanno trovato pioggia, a differenza di me che sulla costa della Manica ho trovato un tempo decente, a tratti persino (pallidamente) soleggiato
Ecco il foto racconto londinese purtroppo condizionato dal maltempo che, mi aveva riferito mia madre, molte persone a bordo del pullman per la pigrizia (non saprei che termine più appropriato usare…) di scendere sotto la pioggia ad ogni foto stop e stato fatto TROPPO di corsa e dai vetri (appannati) del mezzo che si muoveva nel traffico… e io che ho fatto la stessa escursione nel 2005 con tempo soleggiato non posso che confermare che il programma mattutino sotto la pioggia, era stato compresso e stravolto rispetto al mio al sole.
Secondo me non è giusto, a prescindere dal tempo atmosferico non si trattava di un escursione in alta montagna che poteva avere dei pericoli, e il programma andava rispettato ed eventualmente sono le persone "difficili" ad adeguarsi

Un commento a parte merita questa foto… c’è una bella differenza fra essere passeggeri della Costa Marina e attraccare a Dover ed essere passeggeri della Silver Cloud e attraccare nella City

Tutte le foto e i dettagli sono qui: Escursione: "Londra"

CHERBOURG (Francia) – Lunedì 1 settembre 2008

Prima Parte

La stazione marittima di Cherbourg e i cappelli a memoria dei migranti che partivano di lì per le Americhe

Prima sosta dell’escursione: un particolare della antica magione fortificata di Le Tourp

Photo Stop….il Sole nel Golfo

Port Racine, il porto più piccolo di Francia

Ci avviciniamo al faro di Goury, ma dove finisce la strada?

Goury e il suo faro

La baia d’Ecalgrain

Arriviamo a Nez de Jobourg dove in una caratteristica casa di pietra normanna ci servono una deliziosa crepe… buonissima la crepe, strepitoso il panorama su Cap de la Hague sia per chi si siede dentro riparato…

…sia per chi ha il "fisico" (non per il freddo ma per il vento) di sedersi fuori

Il locale si trova su una delle falesie più alte d’Europa…sotto di noi passa la Saga Rose diretta a Cherbourg

Tornati a Cherbourg… ecco la Saga Rose

Tutte le foto e i dettagli sono qui:
1: Escursione: "Capo di La Hague"
2: Escursione: "Capo di La Hague"

Seconda Parte

Questa seconda parte è dedicata alla visita libera di Cherbourg (mentre io ero in escursione al mattino) e alla interessantissima "La Cité de la Mer" che si trova nel porto, praticamente di fianco alla nave
Il comune di Cherbourg mette a disposizione gratuita dei visitatori una navetta dal porto al centro decisamente fuori dal comune

Cherbourg e il porto vecchio

Scorci del centro storico


L’atrio del museo/acquario "La Cité de la Mer"

Il pezzo forte della Città del Mare: il "Le Redoutable", che è il più grande sottomarino visitabile al mondo

Particolare interno della sala motori

Il ponte di comando, con le due sedie dei piloti

Particolare della cabina del comandante

Gioco di luci e meduse nell’acquario de La Citè de la Mer

Davanti alla Marina un veliero, dietro si vedono le fortificazioni napoleoniche all’uscita del porto

Tutti i dettagli e le foto sono qui:
3: Visita libera di Cherbourg
4: Visita al museo acquario "La Cité de la Mer" e al sottomarino "Le Redoutable"
5: Visita al museo acquario "La Cité de la Mer" e al sottomarino "Le Redoutable"

navigazione – martedì 2 settembre 2008

Giornata tranquilla di navigazione, cominciamo a scendere verso sud, lasciamo la Manica e entriamo in Atlantico

dagli oblo interni della nave che si aprono sulla piscina centrale si può vedere il movimento della nave

L’atrio centrale e la Galleria Trevi

Un po’ di onde e la scia vista dal ristorante a poppa

La tranquillità del tè delle 5 al Buffet Yacht Club

Tutte le foto e i dettagli sono qui: Navigazione

Bordeaux (Francia) – mercoledì 3 settembre 2008

Tappa molto bella, dove la piccola Marina si è cimentata nella navigazione fluviale della Gironda, ma purtroppo rovinata dal brutto tempo e dalla pioggia che non hanno reso merito a una città e a una campagna veramente molto bella.
Il mattino abbiamo scelto l’escursione organizzata: "VIGNETI DI SAINT-EMILION, BORGO PATRIMONIO MONDIALE DELL’UNESCO" (bella, ma forse un pò troppo incentrata sugli aspetti tecnici della viticultura, piuttosto che sul paesaggio) e il pomeriggio visita libera di Bordeaux
Arrivati al porto di Bordeaux, la situazione meteo era questa


Durante la visita di Saint Emilion, piove a tratti, ma il borgo è bellissimo (e deserto)

Particolare della chiesta monolitica sotterranea

Le vigne (e rose) del Bordeaux

Visita alle grotte, scavate nella roccia, dove il vino invecchia

Nel pomeriggio a Bordeaux, cattedrale di St. André

Piazza della Borsa

Bordeaux vista dall’altro lato della Gironda

Alla sera, mentre la Costa Marina naviga (forse un pò troppo velocemente) nell’estuario della Gironda mi accorgo che solleva delle enormi onde anomale che si abbattono sulle rive…qui c’è una foto sola e metto anche il video, ma se si vuole approfondire l’argomento ne avevo già parlato qui: http://forum.crocieristi.it/showthre…-della-Gironda


Tutte le foto e dettagli sono qui:
1: Escursione: "Vigneti di Saint Emilion, borgo patrimonio mondiale dell’UNESCO"
2: Visita libera di Bordeaux e navigazione fluviale nella Gironda

Bilbao (Spagna) – Giovedì 4 settembre 2008

Prima Parte

Tappa decisamente inconsueta nei paesi baschi, dove Bilbao e dintorni avrebbero meritato una giornata decisamente più bella di quella uggiosa e piovosa che abbiamo trovato
Questa prima parte è dedicata all’escursione "VISITA DI BILBAO E TAPAS"
Per maggiore sicurezza, contro eventuali attentati dell’ETA che c’erano stati nei giorni precedenti, la Guardia Civil ci scorta durante tutte le manovre e la sosta in porto

Entriamo nel porto di Bilbao

La prima tappa dell’escursione e in un punto panoramico da dove si vede la città di Bilbao, il fiume Nervion e nella seconda foto il Museo Guggenheim

Si prosegue a piedi nel centro cittadino, con le caratteristiche case basche

Il lungofiume Nervion

Museo Guggenheim (non nel programma dell’escursione, quindi visto solo dal pullman)

Tutte le foto e maggiori dettagli sono qui: Escursione: "Visita di Bilbao e tapas"

Seconda Parte

Invece di dedicarci a Bilbao (vedi Prima Parte), che non visiteremo, facciamo la seguente escursione lungo la costa e nella “capitale” basca "GERNIKA E BERMEO". Peccato per il tempo pessimo nella parte più paesaggistica e esterna sulla costa, che con tempismo fantozziano e volto al bello quando eravamo nella parte "museale" di Guernika
L’isolotto di San Juan de Gaztelugatxe, una delle principali bellezze della costa Basca, dove ci fermiamo per una sosta fotografica…appena un secondo prima che un diluvio ce la nascondesse dalla vista (Photo stop totalmente inutile)

Bermeo, con le sue caratteristiche costruzioni basche e il suo porto di pescatori

Riprendiamo il pullman verso l’interno…la bassa marea rende il paesaggio basco molto simile a quello bretone

La piazza principale di Guernika

Entriamo nei giardini e nel palazzo dell’Assemblea di Biscaglia, che si riuniva sotto una quercia, la Gernikako Arbola

Visiamo l’aula del parlamento Basco

E il palazzo che lo ospita

Tutte le foto e dettagli sono qui: Escursione: "Gernika e Bermeo"

Navigazione (Golfo di Biscaglia – Atlantico) – Venerdì 5 settembre 2008

Una giornata memorabile, per mia fortuna che non soffro il mal di mare solo dal punto di vista emozionale e non fisico, ma il mare forza 8 (quello VERO, non quello dei numeri del lotto che ci si scambia fra passeggeri appena si alzano un pò le onde) ti cambia la percezione della nave e ti ricorda veramente dove sei…
Le premesse la sera precedente partendo da Bilbao non erano state delle migliori…nella nostra rotta verso Lisbona stavamo per entrare nella "zona rossa" e il comandante in persona alle 20 aveva comunicato tramite gli altoparlanti di tutta la nave e in tutte le lingue che durante la notte avremmo trovato mare molto grosso e qualsiasi cosa avremmo sentito o visto non avremmo dovuto preoccuparci perchè la (piccola) Marina era perfettamente in grado di farcela.

.
Preoccupazione eccessiva? eccesso di prudenza?
No, perchè intorno alle 6 del mattino, dopo un crescendo di forza per tutta la notte siamo finiti dentro la tempesta e a quel punto abbiamo capito che "rumore" fa una struttura metallica sottoposta a tale prova.
Noi che eravamo a centro nave facevamo fatica a stare a letto, i miei genitori che erano a prua erano stati svegli tutta la notte perchè ad ogni onda si staccavano dal letto e andavano in assenza di gravità quindi dovevano stare saldamente seduti.
Io ho foto e video….qui c’è il mio video (guardate e sentite cosa succede a poppa al minuto 4:00 e potrete notare le deformazioni e rumori della struttura della nave ad ogni ricaduta in acqua. Dal minuto 12 si vede quando sono salito sopra in ponte di comando a filmare in esterno la prua)

Questo è il video girato dal ponte di comando (evidentemente girato da qualcuno dell’equipaggio)

E qui ci sono le foto…
Qua quello che restava de negozi di bordo alle 7 del mattino

Nell’atrio centrale dormono delle persone che probabilmente non possono/vogliono rimanere in cabina, è la zona dove si sente meno il mare (relativamente, ovviamente…)

Questa la situazione esterna (notate la linea dell’orizzonte)

Un ora più tardi la situazione era ulteriormente peggiorata , picchiando di punta le onde arrivavano oltre il ponte 5

Alle 11 si stacca uno dei fermi della scultura Ginger e Fred nell’atrio centrale… l’opera viene tenuta ferma a mano per evitare che cada

Nella mia cabina cede un listello del soffitto. La TV viene tolta dal supporto e appoggiata per terra per evitare che cada come è successo in altre cabine

La porta del bagno si scardina e si sbriciola il compensato dell’infisso

Particolare del pannello del soffitto del Teatro

Intorno a mezzogiorno esce il sole, ma il mare rimane come prima…sfido il vento (oltre i 120km per andare a prua a fare queste foto

E ormai sera quando il mare si placa un pò

Però un elogio particolare va alla piccola Marina, guscio di noce nella tempesta, che però proprio grazie alle sue dimensioni ridotte è riuscita a far sentire di meno le oscillazioni nei ponti alti (non li ha…). Il giorno dopo a Lisbona, parlando con i passeggeri dell’Atlantica passata nella medesima tempesta (e arrivata due ore in ritardo rispetto a noi "piccolini"), abbiamo saputo che c’erano stati dei feriti dei feriti a bordo: gente che era caduta e si era fatta male.
Tutte le foto, video e dettagli sono qui: "Tempesta nel Golfo di Biscaglia"

LISBONA (Portogallo) – Sabato 6 settembre 2008

Dopo la giornata di navigazione nella tempesta arriviamo a Lisbona e facciamo l’escursione mattutina "CASCAIS, SINTRA E QUELUZ" (carina e interessante), mentre il pomeriggio giretto libero in centro.
Risaliamo il Tago e non si vede nulla durante l’attracco, il Comandante (la persona più a destra nella foto) dirige personalmente le operazioni e guida la nave dall’aletta

A Queluz visitiamo il Palazzo Nazionale, residenza estiva della casa reale di Bragança, in stile rococò

Sintra

Cascais

Costa Marina attracca appena sotto il ponte 25 aprile e vicinissimo al quartiere dei "Docas", i vecchi magazzini ristrutturati in ristoranti e locali…il pranzo lì è d’obbligo!

Il centro di Lisbona: Praca de Figueira e il Castello

La sera lasciamo Lisbona e la "fumosa" marina passa sotto il ponte del 25 aprile

La Bandiera Italiana (un pò sdrucita…) saluta il Cristo Redentore

Dietro di noi la Costa Atlantica… che per un effetto ottico ha un "curioso" innesto sul fumaiolo

Usciamo in Atlantico e l’Atlantica che naviga più sottocosta di noi riflette la luce del tramonto

Tutte le foto e i dettaglio sono qui:
1: Escursione: "Cascais, Sintra, Queluz"
2: Escursione: "Cascais, Sintra, Queluz"
3: Visita di libera di Lisbona
4: Partenza da Lisbona lungo il Tago insieme alla Costa Atlantica

TANGERI (Marocco) – Domenica 7 settembre 2008

Appena entriamo in Mediterraneo, dopo giorni di Atlantico agitato, il mare si placa in vista della città marocchina di Tangeri che visitiamo con l’escursione organizzata: "VISITA DI TANGERI E CAPO SPARTEL"
Il mattino navigazione turistica attraversando lo stretto di Gibilterra

Un cavaliere della rappresentazione di "arte" marocchina

Usciamo da Tangeri e arriviamo alle Grotte di Ercole che danno sull’Atlantico e hanno una caratteristica apertura che sembra la forma dell’Africa

Il faro di Capo Spartel che divide, dal lato africano, Atlantico dal Mediterraneo

Torniamo a Tangeri a a piedi entriamo nella vecchia Medina, decisamente meno turistica e "artificiale" di quelle di Tunisi o Casablanca, che sono più abituati al turismo (crocieristico).

Tutte le foto e i dettagli sono qui:
1: Escursione: "Visita di Tangeri e Capo Spartel"
2: Escursione: "Visita di Tangeri e Capo Spartel"

MALAGA (Spagna) – Lunedì 8 settembre 2008

Mattinata a Malaga passata a fare l’escursione "VIAGGIO NELLE TRADIZIONI ANDALUSE" veramente carina e interessante, soprattutto perchè fatta in circa 30 persone il che ha permesso di andare a vedere uno spettacolo in un locale di Flamenco veramente fuori da qualsiasi "massificazione" turistica (era un locale dove più di noi non ci si stava)
La Marina arriva a Malaga, l’alba prima dell’attracco

Malaga vista dalla fortezza del Gibralfaro, in fondo al porto si vedono l’Atlantica e la minuscola Marina (notare le proporzioni fra le due, e l’Atlantica non è grande!)

Il monumento all’ingresso della "Malagueta", l’arena dove si svolgono le corride

Entriamo nell’arena

Visita del piccolo, ma interessante museo della corrida

Un balcone nel centro storico

Lo spettacolo di Flamenco

Dopo lo spettacolo ci viene lasciato un po’ di tempo libero per visitare il centro storico di Malaga, dove abbiamo la fortuna di imbatterci in una caratteristica festa, probabilmente il gemellaggio con le comunità cittadine sparse nel Sudamerica.

Malaga e la Costa Atlantica vista dalla Costa Marina

Tutte le foto e i dettagli sono qui:
1: Escursione: "Viaggio nelle tradizioni andaluse"
2: Visita libera del centro di Malaga e Costa Atlantica

Navigazione – Martedì 9 settembre 2008

La piccola marina risale velocemente il Mediterraneo verso Savona
Purtroppo il tempo e il mare non sono dei migliori, durante la notte è piovuto sabbia del deserto e al mattino alcuni punti della nave apparivano così

Si balla ancora un pò, e si balla anche anche in piscina

Un particolare che ormai non si vede più sui cellulari di chi viaggia con Costa: il nome della nave come informazione della cellula di GSM on the Ship

La sera il classico "Dilettanti allo sbaraglio" nella Sala da ballo Marina, la nave è tutta qui

Tutte le foto e i dettagli della giornata son qui: Navigazione

SAVONA – Mercoledì 10 settembre 2008

Si conclude a Savona, in una bella e calda settimana di sole la nostra crociera sulla piccola (e indimenticabile) Costa Marina
Albissola, prima di entrare in porto a Savona

Il Palacrociere sfila di fianco a noi

Mi sa proprio che stiamo per attraccare

Tranquillità in piscina

Savona dietro di noi

La prua della Marina e il porto di Savona

Tranquillità sull’aletta del ponte di comando

La piccola Marina è forse l’ultima delle navi di Costa che non sembra un gigante in mezzo al porto e alle altre costruzioni

Savona

E finita…
Tutte le foto e i dettagli sono qui: Attracco a Savona e sbarco

FINE

Posted in 2008 Mare del Nord e Mediterraneo, CROCIERE, VIAGGI e LUOGHI | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: