Il Mondo del Dr. Pianale

Il Mondo per chi ama Viaggiare, Guidare, Pensare

Posts Tagged ‘Jeju’

[COREA del Sud – Jeju] Incanti automobilistici d’Oriente

Posted by Dr. Pianale su 2 luglio 2009

(I miei Viaggi Automobilistici)

JEJU (Corea del Sud)

2009

Sbarchiamo nell’isola di Jeju che si trova a sud della penisola Coreana.

la guida torna ad essere a sinistra come da noi, ma a differenza del Giappone che è “multietnico” dal punto di vista automobilistico, qui in Corea il 99% del circolante è un prodotto nazionale fatto di Hyundai, Daewoo, Samsung, Kia e SSangyong

Il nostro pullman, leziosamente arredato all’orientale

Le vie di Jeju e una concessionaria Kia

Non c’è molto traffico e andiamo a prendere l’autostrada (gratuita) che è ordinata e tranquilla

Sulla montagna una scritta, un buon modo per fare pubblicità

Ai bordi dell’autostrada un Kartodromo

Lungo la statale

Una Mitsubishi Eclipse IV serie , molto bella ma purtroppo non importata in Italia

All’ingresso del parco e dei giardini questa “scultura” ricorda a tutti, grandi e piccini, la pericolosità della strada

Ci muoviamo lungo i viali della zona turistica… tutto è largo e perfetto

Una Kia Opirus, nella versione Coreana, che svolge il suo ruolo di auto di rappresentanza “autarchica”

Altro berlinone “autarchico”: una grossa Samsung

Percorriamo una “via misteriosa” lungo una strada che per un complesso gioco di prospettive sembra in salita…ma è in discesa!

Arrivati nel punto che si vede nella foto e sembra che la strada dopo la discesa poi risalga, l’autista , si è fermano, ha spento il motore… e il pullman si è mosso da solo, apparentemente in salita

La versione Coreana della Kia Picanto non è identica alla nostra

Il SsangYong Rodius versione mista è *terribile* a vedersi

Ripercorriamo le tranquille e ordinate strade che portano al porto

Foto turistiche:

1: Escursione: "Jungmun Resort Area"

2: Escursione: "Jungmun Resort Area" e partenza da Jeju 

Annunci

Posted in AUTOMOBILI e VEICOLI, Viaggi & Auto | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Crociera 2009 – “Incanti del Sol Levante” con Costa Classica – Jeju (27 di 32)

Posted by Dr. Pianale su 19 giugno 2009

(itinerario)

JEJU (Corea del Sud) – giovedì 2 luglio (Prima Parte)

Lasciato definitivamente il Giappone alle nostre spalle, e arriviamo all’isola di Jeju che si trova a sud della Corea.

Per la giornata intera scegliamo questa escursione, molto piacevole e interessante



ESCURSIONE JUNGMUN RESORT AREA

Il tour ha inizio con un itinerario panoramico lungo la Strada del Mistero. Si tratta di una strada "magica": infatti, accostando con l’auto in discesa, la vettura sembra tornare indietro verso la sommità della collina anziché scendere a valle! È uno degli intriganti misteri di Jeju. La tappa successiva sarà il Giardino Botanico di Yeomiji: inaugurato nel 1989, è il più ricco e grande dell’Asia. Ospita circa 2000 specie rare di piante e alberi del posto e 1700 varietà di piante e fiori. La struttura comprende giardini in stile tradizionale di quattro nazioni diverse e svariati parchi a tema. Raggiungendo la sommità della torre di osservazione (munita di ascensore), a 38 metri di altezza, potremo ammirare un panorama aereo del complesso turistico di Jungmun, delle cascate di Cheonjeyon e persino dell’isola di Mara in mare aperto. In seguito avremo l’opportunità di scoprire le Cascate di Cheonjeyon (lo stagno di Dio), dove secondo la leggenda le ninfe scendono a fare il bagno. L’acqua sgorga da un. punto tra il precipizio della cascata e l’alveo di argilla. Accanto alle cascate sorgono i Giardini Botanici Yeomiji e molte altre attrazioni turistiche. La prima cascata è alta 22 metri. Dal soffitto di una grotta situata a est della prima cascata l’acqua cade formando uno stagno profondo 21 metri e dando vita più avanti a un secondo laghetto e a diversi rigagnoli. Proseguendo oltre le Cascate di Cheonjeyon, incontreremo l’incredibile ponte ad arco di Seonimkyo. L’acqua non solo è potabile, ma ha anche proprietà curative: nell’antichità, infatti, si credeva che stare sotto una cascata potesse guarire qualsiasi malattia. Dopo la visita è previsto il pranzo. Nel pomeriggio visiteremo Jusangjolly, una roccia simile a una colonna al largo della costa di Daepo nel complesso turistico di Jungmun. Le forme uniche nel loro genere sembrano quasi soprannaturali, con pinnacoli di roccia rettangolari ed esagonali che gli accademici hanno definito importanti risorse geologiche per la ricerca sul processo di sviluppo della topografia costiera. Ecco perché il complesso è un’inestimabile fonte naturale di conoscenze scientifiche. Il tour prosegue alla volta del Tempio Yakcheonsa ("tempio dove sgorga acqua con proprietà medicinali"), al cui interno è presente una sorgente naturale d’acqua dolce. Celebre per le leggende mistiche che aleggiano intorno ai poteri curativi della sua acqua, il tempio ospita anche la statua di Buddha più grande dell’Asia. Infine, prima di fare ritorno a bordo della nave, ci dedicheremo allo shopping nel tempo libero.


Scesi dalla nave ci attende un capannone per le ormai “rituali” visite mediche

Si vive in perenne emergenza sanitaria, mentre ci controllano per eventuali casi di influenza H1N1 “suina”, ci sono ancora i tabelloni della vecchia “aviaria”

Il pullman prende l’autostrada, si vede l’interno dell’isola

E arriviamo all’ingresso dello splendido giardino botanico Yeomiji

Saliamo sulla torre alta 38 metri da cui si domina tutto il giardino botanico e i dintorni

Usciamo dal giardino botanico e ci dirigiamo verso…

…il ponte ad arco Seonimkyo

Dall’altro lato del ponte le cascate di Cheonjeyeon

Si riprende il pullman per andare a pranzare… e si vede il ponte Seonimkyo

Posted in 2009 Incanti del Sol Levante, VIAGGI e LUOGHI | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Crociera 2009 – “Incanti del Sol Levante” con Costa Classica – Jeju (28 di 32)

Posted by Dr. Pianale su 19 giugno 2009

(itinerario)

JEJU (Corea del Sud) – giovedì 2 luglio (Prima Parte)

Seconda parte della giornata sull’isola coreana di Jeju, prosegue l’escursione:

Per la giornata intera scegliamo questa escursione, molto piacevole e interessante



ESCURSIONE JUNGMUN RESORT AREA

Il tour ha inizio con un itinerario panoramico lungo la Strada del Mistero. Si tratta di una strada "magica": infatti, accostando con l’auto in discesa, la vettura sembra tornare indietro verso la sommità della collina anziché scendere a valle! È uno degli intriganti misteri di Jeju. La tappa successiva sarà il Giardino Botanico di Yeomiji: inaugurato nel 1989, è il più ricco e grande dell’Asia. Ospita circa 2000 specie rare di piante e alberi del posto e 1700 varietà di piante e fiori. La struttura comprende giardini in stile tradizionale di quattro nazioni diverse e svariati parchi a tema. Raggiungendo la sommità della torre di osservazione (munita di ascensore), a 38 metri di altezza, potremo ammirare un panorama aereo del complesso turistico di Jungmun, delle cascate di Cheonjeyon e persino dell’isola di Mara in mare aperto. In seguito avremo l’opportunità di scoprire le Cascate di Cheonjeyon (lo stagno di Dio), dove secondo la leggenda le ninfe scendono a fare il bagno. L’acqua sgorga da un. punto tra il precipizio della cascata e l’alveo di argilla. Accanto alle cascate sorgono i Giardini Botanici Yeomiji e molte altre attrazioni turistiche. La prima cascata è alta 22 metri. Dal soffitto di una grotta situata a est della prima cascata l’acqua cade formando uno stagno profondo 21 metri e dando vita più avanti a un secondo laghetto e a diversi rigagnoli. Proseguendo oltre le Cascate di Cheonjeyon, incontreremo l’incredibile ponte ad arco di Seonimkyo. L’acqua non solo è potabile, ma ha anche proprietà curative: nell’antichità, infatti, si credeva che stare sotto una cascata potesse guarire qualsiasi malattia. Dopo la visita è previsto il pranzo. Nel pomeriggio visiteremo Jusangjolly, una roccia simile a una colonna al largo della costa di Daepo nel complesso turistico di Jungmun. Le forme uniche nel loro genere sembrano quasi soprannaturali, con pinnacoli di roccia rettangolari ed esagonali che gli accademici hanno definito importanti risorse geologiche per la ricerca sul processo di sviluppo della topografia costiera. Ecco perché il complesso è un’inestimabile fonte naturale di conoscenze scientifiche. Il tour prosegue alla volta del Tempio Yakcheonsa ("tempio dove sgorga acqua con proprietà medicinali"), al cui interno è presente una sorgente naturale d’acqua dolce. Celebre per le leggende mistiche che aleggiano intorno ai poteri curativi della sua acqua, il tempio ospita anche la statua di Buddha più grande dell’Asia. Infine, prima di fare ritorno a bordo della nave, ci dedicheremo allo shopping nel tempo libero.


Ci fermiamo per il pranzo in un grosso complesso turistico in cui si era appena svolto un summit dei governi dell’area locale

Riprendiamo brevemente il pullman che ci porta lungo la costa di Daepo

dove possiamo ammirare le scogliere laviche erose dal mare, percorrendo un sentiero sospeso su di esse

Poco distante il Tempio buddista Yakcheonsa

Si riprende il pullman per andare verso il porto

Sosta “misteriosa” lungo una strada che per un complesso gioco di prospettive sembra in salita…ma è in discesa!

Arrivati nel punto che si vede nella foto e sembra che la strada poi risalga, l’autista , si è fermano, ha spento il motore… e il pullman si è mosso da solo, apparentemente in salita

Arrivati alla nave, un po’ di tempo nei negozi della stazione marittima… è l’ultima tappa “libera”, poi saremo in Cina e più controllati

Salpiamo dal porto di Jeju

Stasera Serata Italiana!… la nave è tutta agghindata

A teatro un particolarissimo spettacolo di acrobazie che per essere eseguito ha bisogno di usare lo spazio della platea, che è stata svuotata di tutte le sedie. Mai visto il teatro così “svuotato” su nessuna nave in passato (ne pensavo si potesse fare)

Posted in 2009 Incanti del Sol Levante, VIAGGI e LUOGHI | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: