Il Mondo del Dr. Pianale

Il Mondo per chi ama Viaggiare, Guidare, Pensare

Crociera 2015 – “Leggende d’Islanda” con Costa Fortuna – Akureyri (6 di 15)

Posted by Dr. Pianale su 22 luglio 2015

(itinerario)

AKUREYRI (Islanda) – Domenica 26 luglio

Giornata completa ad Akureyri, il mattino ci dedichiamo a un giro libero del centro cittadino, mentre per il pomeriggio abbiamo prenotato l’escursione


WHALE WATCHING FROM AKUREYRI

L’Islanda è una delle migliori località per ammirare le balene. L’abbondante vita marittima nelle acque circostanti Akureyri fornisce un’area di alimentazione che attrae più di venti specie di balene, delfini e focene. La barca per l’ osservazione le balene dista solo pochi metri a piedi dal porto di Akureyri. Dopo che i membri dell’equipaggio vi avranno dato il benvenuto, l’avventura avrá inizio. La barca salperà dalle acque del fiordo Eyjafjordur e i passeggeri potranno ammirare la bellezza delle alte montagne innevate che delineano il finale del fiordo. La guida informerá i passeggeri rigurdo le molteplici specie che possono essere viste durante il viaggio e cercherá di coinvolgervi nell’avvistamento di questi giganti dell’oceano. Naturalmente, come tutta la natura selvaggia, la visione non puó essere assicurata, anche se la probabilitá di osservare le balene da Akureyri è eccellente; ha il 95% di successo per quanto riguarda l avvistamento. Molte specie sono state avvistate da questo punto, incluse le specie di pinne blu, megattere e altre. Il miglior periodo per ammirare le balene in Islanda è dalla fine della primavera fino alla fine dell’estate. (Maggio-Settembre).


Costa Fortuna attracca in fondo all’Eyjafjörður, il fiordo più lungo dell’Islanda centro-settentrionale, a due passi dal centro cittadino

20150727_093758_stitch20150727_09382520150727_093840

Dall’altro parte del porto e della nave l’aeroporto, da cui partono e atterrano aerei civili e militari che sfiorano il fumaiolo della nostra nave!

DSCF063620150727_09251020150727_09251020150727_093906

Scendiamo liberamente a piedi verso il centro

DSCF0638DSCF0639DSCF0640DSCF0641

Il centro cittadino, molto carino e tranquillo

DSCF0648_stitchDSCF0650_stitchDSCF0652DSCF0653DSCF0654DSCF0657DSCF0659DSCF0660_stitchDSCF0662DSCF0663

Pochi passi in cima a una scalinata la Akureyrarkirkja , la chiesa luterana della città dalla cui sommità si gode un panorama stupendo sulla città, il fiordo e la Costa Fortuna che riempie l’orizzonte

DSCF0664DSCF0665DSCF0666DSCF0667_stitchDSCF066920150727_110324

L’interno, spoglio, della Akureyrarkirkja

20150727_11040220150727_11041620150727_11043020150727_11051220150727_110453

Scendiamo per tornare in centro

20150727_110554_stitch20150727_11284420150727_110645_stitch20150727_11075120150727_11074320150727_110824_stitchDSCF067020150727_11394720150727_11411320150727_114144_stitch20150727_11422620150727_114243_stitch

Torniamo alla nave per il pranzo a bordo

20150727_114930DSCF0671

Nel primo pomeriggio il tempo migliora, e scendiamo per andare a fare l’escursione di avvistamento balene

DSCF0702DSCF0672DSCF0705DSCF0708DSCF0709DSCF0712DSCF0715DSCF0716

Saliamo sulla nostra barca (e insieme a noi ne parte una più “classica” per la stessa escursione) e cominciamo a percorrere il fiordo Eyjafjörður verso un punto più distante dalla città e più largo

DSCF0710DSCF0717DSCF0718DSCF0719DSCF0720DSCF0721DSCF0722DSCF0723DSCF0724DSCF072520150727_141202DSCF0726DSCF0727DSCF0728DSCF0729DSCF073020150727_142027_stitch20150727_143207DSCF0735DSCF0736DSCF0737DSCF0738

Eccole le due balene, maschio e femmina, inizia la “caccia” all’avvistamento più ravvicinato che durerà più di un ora di sbuffi, pinne, immersioni e emersioni

DSCF0739DSCF0740DSCF0741DSCF0742DSCF0743DSCF0744DSCF0745DSCF0746DSCF0747DSCF0748DSCF074920150727_14451920150727_14452020150727_14452220150727_14452320150727_14453520150727_14453620150727_14453720150727_14453820150727_144538(0)20150727_14454120150727_14455220150727_14455320150727_14455420150727_14455520150727_144555(0)20150727_14455720150727_14455820150727_14460320150727_14460420150727_144605DSCF0752DSCF0753DSCF0754DSCF0756DSCF0758DSCF0759DSCF0760DSCF076120150727_14573720150727_14573820150727_145739DSCF0762DSCF0763DSCF076420150727_14580020150727_14580120150727_14580720150727_14580820150727_14581720150727_14583620150727_14583920150727_14584020150727_14584120150727_145842_00120150727_145842_00220150727_145842_00320150727_145842_00420150727_145842_00520150727_145842_00620150727_145842_00720150727_145842_00820150727_145842_00920150727_145842_01020150727_145842_01120150727_145842_01220150727_145842_01320150727_145842_01420150727_145842_01520150727_145842_01620150727_145842_01720150727_145842_01820150727_145842_01920150727_145842_02020150727_145842_02120150727_145842_02220150727_145842_02320150727_145842_02420150727_145842_02520150727_145842_02620150727_145842_02720150727_145842_02820150727_145842_02920150727_145842_030DSCF0766DSCF0767DSCF0768DSCF0769DSCF0770DSCF077120150727_15052920150727_15054820150727_15054920150727_15060720150727_150607(0)20150727_15060820150727_15060920150727_150611DSCF0772DSCF0773DSCF0774DSCF0775DSCF0776DSCF0777DSCF077820150727_15105520150727_15105820150727_15110920150727_15112020150727_15112220150727_15112320150727_151124DSCF077920150727_151127DSCF0780DSCF0781DSCF0783DSCF0787DSCF0788DSCF0789DSCF0791DSCF0793DSCF0795DSCF0796DSCF0797DSCF0798DSCF0799DSCF0801DSCF0802DSCF0803DSCF080420150727_15403420150727_15410320150727_15410520150727_15412320150727_15412420150727_15412520150727_15412620150727_15412720150727_154128DSCF0808DSCF0810DSCF0811DSCF0812DSCF081320150727_154716DSCF081420150727_154717DSCF081520150727_15472820150727_15480620150727_15480820150727_15481020150727_15481620150727_154817_00120150727_154817_002

Dopo quasi due ore di “spettacolo” (e di freddo e vento) il pilota inverte la rotta e torniamo verso Akureyri

DSCF080620150727_162112DSCF081620150727_16243220150727_16244620150727_16250020150727_162550DSCF081720150727_162637DSCF081820150727_16275320150727_16280220150727_16280820150727_162911_stitch20150727_163036

Scendiamo dalla barca e c’è il tempo di andarsi a bere una bella cioccolata calda con la panna in uno dei tanti bar del centro

20150727_1638082015-07-27-1182015-07-27-119

Non c’è molta gente e torniamo verso la nave, e mentre da noi per le strade del centro ci sono i piccioni, lì passeggiano tranquille le sterne artiche

DSCF0822DSCF0819DSCF0820DSCF0821DSCF0827

Costa Fortuna parte da Akureyri e percorre il lungo Eyjafjörður verso il Mare Glaciale Artico…ormai siamo talmente a nord che la luce del sole e le nuvole “giocano” fra loro fino alle 22 e oltre

DSCF0828DSCF0829DSCF0831DSCF0832DSCF0833DSCF0834DSCF0835DSCF083620150727_200509_stitch20150727_201238_stitch20150727_20161320150727_20215820150727_20220320150727_202625DSCF084020150727_20311520150727_203200DSCF084120150727_203307_stitch20150727_204201_stitch20150727_205846_stitch

Il fiordo finisce, entriamo in mare aperto e in quel punto dell’Islanda settentrionale superiamo il Circolo Polare Artico

20150727_213657_stitch20150727_213746

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: