Il Mondo del Dr. Pianale

Il Mondo per chi ama Viaggiare, Guidare, Pensare

Fiat Multipla Hybrid Power

Posted by Dr. Pianale su 13 dicembre 2001

Ciao a tutti

Ecco qui un test della Multipla Ibrida fatto da Jody il 13/12/2001 e pubblicato su It.Discussioni.Auto

http://www.fiatpress.com/press/article/2327

http://www.fiatpress.com/press/article/2328


Jody prova Multipla Ibrida

Torino ha sempre quest’aria un pò austera e discreta, anche nelle
giornate che provano invano a trasmettere un pò di solarità.

Mentre mi lasciavo alle spalle l’inquietante imponenza del Centro
Congressi del Lingotto, restavo assorto al pensiero del mio
contrastato rapporto con questa città.

La riunione che avevo appena concluso con alcuni amministratori
pubblici già era archiviata nei meandri più distanti della mia
mente.

Improvvisamente, sul lato sinistro dell’ampio piazzale, proprio a
ridosso della sede di Fiat S.p.A.,
scorgo un gran movimento attorno ad alcune vetture.

Sono vetture create in questa città, decorate elegantemente ed in
modo discretamente attraente:
Seicento e Multipla  parcheggiate ordinatamente  …………

Chiudendomi il giaccone Murphy&Eye, troppo "romano" e troppo
"marinaro" per difendermi dal freddo pungente delle Alpi
occidentali, mi avvicino ……

Le vetture sono esposte dietro alcuni plexiglass che illustrano
le caratteristiche di ciascun esemplare: Seicento e Multipla
elettrica, Seicento a trazione Fuel Cell, Multipla a trazione
ibrida (elettrico+benzina o elettrico+metano) , ecc.

Si tratta di una bella iniziativa del ns. Costruttore per far
provare ai torinesi questi modelli ad elevata innovazione
tecnologica.

Mi fermo ad osservare, ammirato.

Dopo un quarto d’ora, si libera una Multipla Ibrida bianca con
decorazioni nere e rosso bordeaux sulla fiancata.
Era una versione elettrica+benzina ………..

Un collaudatore, gentilissimo, mi consente di provarla assieme a
lui.

Lascio il giaccone ad una hostess
dal timido fascino antonelliano ……..

Immediatamente, la bella sensazione di luce e dominio che provo
ogni volta che salgo sulla Multipla.

Ma subito mi accorgo che la strumentazione è rivoluzionata !

Il collaudatore, seduto accanto, mi spiega cosa devo fare: niente
frizione, solo piede dx, la macchina fa tutto da sola,
l’importante è muovere, prima di partire, uno switch sul
cruscotto, programmando la funzione prescelta.

Scelgo elettrico fino a 40 Km/h e benzina oltre.

Lo sguardo va alla ricerca dell’indicatore di carica delle
batterie al cadmio: l’energia è abbastanza, posso partire
tranquillo.

Mi immetto su via Nizza, cercando di guidare morbido per non
sprecare energia (l’autonomia è di 100 Km, ed io ho sempre avuto
diffidenza per la trazione elettrica), ma poi capirò che su
questa Multipla non c’è da temere di restare senza energia.

L’effetto filobus è stranissimo, ma in accelerazione la Multipla
risponde assai bene.

Appena esco dalla congestione, imbocco il sottopasso ……
improvvisamente mi piglia un colpo …… sento il motorino di
avviamento che parte, come se fossimo fermi ……
siamo a 40 all’ora e il propulsore termico si avvia, pur
perfettamente insonorizzata, la Multipla finalmente fa sentire la
voce del suo Torque 16V, anche se il cambio elettrico non
consente volteggi di alcun tipo.

Il collaudatore mi spiega che parte dell’energia del motore
termico, quando è in funzione, va a ricaricare le batterie.

Ciò spiega le prestazioni inferiori , oltre naturalmente al
maggior peso del corpo vettura.

Al semaforo, torna il brusio un pò algido del motore elettrico
… senza che io abbia toccato assolutamente nulla ……..

Ad un certo punto, il collaudatore mi invita a switchare sulla
modalità "gen" , che sta per generatore ……. si sente ora un
rumore tipo tram; le batterie si stanno ricaricando
automaticamente, anche restando fermi.

Insomma, una bella dimostrazione di come si può utilizzare
intelligentemente e senza problemi di autonomia un motore
elettrico ……..

Sono già sul piazzale del Lingotto, dopo un cordiale
ringraziamento all’appassionato collaudatore Fiat e senza
dimenticare di fare l’occhiolino alla hostess dal fascino
antonelliano, mi reimmergo  tra le rigidità perpetue dell’inverno
torinese.

Mentre mi accomodo sul duro sedile posteriore di un taxi Mercedes
A-Klasse, con uno sportello che fa decisamente troppo rumore,
ripenso alla formidabile capacità dei ns. tecnici di fare
miracoli di tecnologia, di come nel ns. Paese ci sia già chi ci
consente di vivere il futuro.

Lasciandosi guidare dalla passione ………

: – )

Jody ( http://www.guidareitaliano.3go.it/ )

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: